Detrazione 55%: definiti i nuovi valori limite di EPi e trasmittanze

E’ stato pubblicato il D.M. 11 marzo 2008 che definisce i nuovi valori limite del fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale (EPi) e di trasmittanza termica.

La Legge Finanziaria 2008, che ha prorogato fino al 31 dicembre 2010 le detrazioni introdotte dalla Finanziaria 2007 per la riqualificazione energetica degli edifici, ha previsto (art.1 comma 24) la definizione di nuovi limiti (trasmittanze ed EPi) e l’emanazione di un nuovo decreto per gli interventi di sostituzione delle caldaie.
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 66 del 18 marzo 2008 è stato pubblicato il D.M. 11 marzo 2008 che definisce i nuovi valori limite del fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale (EPi) e di trasmittanza termica, validi per poter usufruire rispettivamente delle detrazioni previste dal comma 344 e dal comma 345 della legge finanziaria 2007.
Occorre sottolineare che i valori limite definiti dal D.M. 11 marzo 2008 (sia in termini di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale che di trasmittanza termica) risultano più severi di quelli minimi obbligatori previsti dal D. Lgs 192/2005 per le nuove costruzioni.
Per quanto concerne l’EPi, infatti, per usufruire della detrazione del 55%, fino al 31 dicembre 2009 il nuovo decreto impone il rispetto dei valori limite che il D.Lgs. 192/2005 (come modificato dal D.Lgs. 311/2006) richiede per le nuove costruzioni solo a partire dal 1° gennaio 2010.
Per quanto concerne le trasmittanze, per usufruire della detrazione del 55%, fino al 31 dicembre 2009 occorre rispettare i valori limite che il D.Lgs. 192/2005 (come modificato dal D.Lgs. 311/2006) richiede a partire dal 1° gennaio 2010.
In entrambi i casi, dal 1° gennaio 2010 sono fissati valori ancora più restrittivi.
La Finanziaria 2008 ha corretto la tabella dei valori limite di trasmittanza per le coperture ed i pavimenti (con effetto retroattivo dal 1° gennaio 2007); la pubblicazione errata di tale tabella nella legge finanziaria 2007 ha reso impossibile avvalersi delle detrazioni previste dal comma 345 (interventi sull’involucro edilizio) per tetti e coperture.
A tal proposito occorre precisare che, sebbene il nuovo decreto ridefinisca anche i valori limite di trasmittanza per strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), nulla precisa in merito alle procedure da adottare per avvalersi delle detrazioni per gli interventi su tali strutture ai sensi del comma 345.
Il Decreto 19 febbraio 2007 (espressamente richiamato anche dalla Finanziaria 2008), infatti, definisce le procedure per avvalersi delle suddette detrazioni limitatamente agli interventi sulle strutture opache verticali e sulle finestre comprensive di infissi.
La stessa ENEA precisa che (FAQ n. 27) per potersi avvalere delle detrazioni del 55% per interventi di coibentazione di coperture e pavimenti ai sensi del comma 345 è necessario attendere un ulteriore provvedimento che regolamenti la procedura.
In assenza di chiarimenti da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, dell’Agenzia delle Entrate o della stessa ENEA è quantomeno opportuno attendere ulteriormente prima di procedere all’invio della documentazione relativa ai citati interventi.
Praticus-ENERGIA, la soluzione specificatamente sviluppata da ACCA per la redazione delle pratiche di detrazione per la riqualificazione energetica degli edifici, sarà disponibile a breve in versione aggiornata conferme alle ultime disposizioni normative.

Documento Dimensione Formato
D.M. 11 marzo 2008 56 Kb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *