Rottamazione cartelle esattoriali, proroga fino al 21 aprile 2017

Rottamazione cartelle esattoriali, in Gazzetta il decreto legge che proroga al 21 aprile 2017 la scadenza per inoltrare la domanda. Ecco le nuove date

I debitori hanno ancora tempo per presentare al Fisco la domanda di definizione agevolata, ossia rottamazione delle cartelle esattoriali.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il dl 27 marzo 2017, n. 36 recante la proroga dei termini relativi alla definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione, ai sensi del dl 193/2016.

Al fine di prorogare i termini entro i quali i debitori possono presentare o integrare la prevista dichiarazione, la scadenza, inizialmente prevista per il 31 marzo 2017, è stata prorogata al 21 aprile 2017. 

Alla luce della novità, i contribuenti avranno più tempo per fare domanda di rottamazione delle cartelle esattoriali; sono anche prorogati i tempi di risposta di Equitalia e degli altri enti della riscossione ai contribuenti.

La definizione agevolata

La definizione agevolata, cd. rottamazione delle cartelle esattoriali, consente di beneficiare di una consistente riduzione delle somme da pagare per i contribuenti che hanno debiti fiscali e tributari maturati tra il 2000 ed il 2016.

La rottamazione prevede la cancellazione degli interessi di mora e delle sanzioni, dagli importi iscritti a nome del contribuente; rimangono da pagare, gli importi dei tributi, tasse e multe evase, gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo e gli altri emolumenti tipici del lavoro del Concessionario, cioè spese di riscossione, notifica e aggi.

Il contribuente potrà scegliere se pagare il nuovo importo dei propri debiti (ridotto anche del 35%), in unica soluzione o in 5 rate, con il 70% del debito da saldare nel 2017, ed il restante nel 2018.

Le domande vanno presentate utilizzando il modulo DA1 presente sul sito di #Equitalia e vanno indirizzate alle sedi territoriali di Equitalia, nella provincia di residenza del debitore.

E’ possibile, inoltre, l’invio via PEC, email o allo sportello, sempre della sede di Equitalia competente (gli indirizzi sono diversi da sede a sede).

Le nuove date

Con l’approvazione del decreto, la data di scadenza delle istanze è fissata, ricordiamo, al 21 aprile 2017.

Di conseguenza, cambiano anche i tempi tecnici delle risposte di Equitalia alle domande: non più entro il 31 maggio ma entro il 15 giugno 2017.

 

Clicca qui per scaricare il decreto legge n. 36/2017

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *