Categorie Opere edili

Sblocca cantieri e distanze tra edifici, ecco le novità

Lo Sblocca cantieri modifica il dpr 380/2001 in materia di distanze tra edifici: i limiti del dm 1444/68 valgono solo in zona C. Più facili le operazioni di demolizione e ricostruzione

E’ in vigore dal 17 giugno 2019 la legge di conversione dello Sblocca-cantieri che va a modificare notevolmente il Codice appalti (dlgs n. 50/2016), le procedure che riguardano le pratiche per interventi strutturali e per lavori da realizzare in zone sismiche, nonché il Testo Unico dell’Edilizia (dpr n. 380/2001).

In particolare, in merito al Testo Unico dell’Edilizia ecco le novità in tema di distanze tra fabbricati:

  • le distanze minime tra i fabbricati stabilite dall’articolo 9 del dm 1444 del 1968 si applicano esclusivamente alle zone di espansione C
  • sono sempre possibili le operazioni di demolizione e ricostruzione, purché avvengano nel rispetto del vecchio sedime, delle distanze preesistenti e senza incremento né di volume  né di altezza.

L’art. 5 della legge di conversione Sblocca cantieri (dl n. 32/2019), contenente norme in materia di rigenerazione urbana, prevede che all’articolo 2-bis del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, dopo il comma 1 sono aggiunti i seguenti:

1-bis. Le disposizioni del comma 1 sono finalizzate a orientare i comuni nella definizione di limiti di densità edilizia, altezza e distanza dei fabbricati negli ambiti urbani consolidati del proprio territorio.

1-ter. In ogni caso di intervento di demolizione e ricostruzione, quest’ultima e’ comunque consentita nel rispetto delle distanze legittimamente preesistenti purché sia effettuata assicurando la coincidenza dell’area di sedime e del volume dell’edificio ricostruito con quello demolito, nei limiti dell’altezza massima di quest’ultimo;

b-bis) le disposizioni di cui all’articolo 9, commi secondo e terzo, del decreto del Ministro dei lavori pubblici 2 aprile 1968, n. 1444, si interpretano nel senso che i limiti di distanza tra i fabbricati ivi previsti si considerano riferiti esclusivamente alle zone di cui al primo comma, numero 3), dello stesso articolo 9.

Ricostruzione e demolizione nel rispetto delle distanze preesistenti

In base alla legge sblocca cantieri, la ricostruzione e demolizione è consentita nel rispetto delle distanze legittimamente preesistenti, a condizione che:

  • ci sia il rispetto dei limiti di altezza dell’edificio demolito
  • l’area di sedime e il volume dell’edificio ricostruito devono coincidere con quelli del fabbricato demolito.

La norma, in pratica, presuppone un’invarianza del complessivo volume dell’edificio ricostruito e dell’altezza dello stesso, nonché dell’area di sedime (non consentendo riduzioni o aumento dell’area di sedime).

Distanza tra fabbricati

Le disposizione, di cui all’art. 9 del dm 1444/1968, si applicano esclusivamente alle zone di espansione (zone territoriali omogenee C).

L’esclusione, quindi, delle zone A e B al rispetto delle distanze minime previste dall’art. 9 del dm 1444/1968, è finalizzata alle operazioni di rigenerazione urbana.

Art. 9 dm 1444/1968 – Limiti di distanza tra i fabbricati

Le distanze minime, previste dal dm 1444/1968, tra fabbricati per le diverse zone territoriali omogenee sono stabilite come segue:

  • Zone A): per le operazioni di risanamento conservativo e per le eventuali ristrutturazioni, le distanze tra gli edifici non possono essere inferiori a quelle intercorrenti tra i volumi edificati preesistenti, computati senza tener conto di costruzioni aggiuntive di epoca recente e prive di valore storico, artistico o ambientale

Nuovi edifici ricadenti in altre zone: è prescritta in tutti i casi la distanza minima assoluta di m. 10 tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti

  • Zone C): è altresì prescritta, tra pareti finestrate di edifici antistanti, la distanza minima pari all’altezza del fabbricato più alto; la norma si applica anche quando una sola parete sia finestrata, qualora gli edifici si fronteggino per uno sviluppo superiore a ml. 12.

Le distanze minime tra fabbricati, tra i quali siano interposte strade destinate al traffico dei veicoli (con esclusione della viabilità a fondo cieco al servizio di singoli edifici o di insediamenti), debbono corrispondere alla larghezza della sede stradale maggiorata di:

  • m 5,00 per lato, per strade di larghezza inferiore a m 7
  • m 7,50 per lato, per strade di larghezza compresa tra m 7 e m 15
  • m 10,000 per lato, per strade di larghezza superiore a m 15.

Clicca qui per scaricare la legge n. 55/2019

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

Francesca Ressa

Francesca lavora in ACCA software e collabora nella redazione di BibLus-net dal 2012. Si occupa prevalentemente di questioni legate alla sicurezza cantieri e sicurezza sui luoghi di lavoro, lavori pubblici e opere edili.

Articoli recenti

Raffaele Cantone: addio ANAC, torno alla magistratura

La lettera ufficiale di Raffaele Cantone che comunica di voler tornare alla magistratura a causa del "diverso approccio culturale nei confronti dell'ANAC…

3 ore ago

Le istruzioni aggiornate del MIUR per la corretta applicazione del Codice Contratti

Il Ministero dell'Istruzione ha aggiornato le istruzioni di carattere generale per la corretta applicazione del Codice dei Contratti Pubblici con le…

9 ore ago

Antincendio: modificata la regola tecnica sulle strutture ricettive

Le modifiche alla regola tecnica di prevenzione incendi riguardano la progettazione, la costruzione e l'esercizio di campeggi, villaggi turistici e strutture ricettive all'aperto (altro…)

5 giorni ago

Il BIM come nuovo obbligo normativo, ma soprattutto come grande opportunità: i dettagli del convegno

Si è tenuto a Bagnoli Irpino il convegno sul BIM negli appalti pubblici: gli interventi, le opinioni, le foto dei…

5 giorni ago

Nuovo regolamento appalti: si parte con la consultazione pubblica

La legge Sblocca cantieri ha previsto per il Codice appalti un regolamento del MIT che sostituirà parzialmente le linee guida…

5 giorni ago

Agevolazioni fiscali per la casa: il punto sulle pronunce delle Entrate nel dossier ANCE

Risoluzioni, circolari ed interpelli dell'Agenzia delle Entrate in materia di agevolazioni fiscali per la casa: ristrutturazione edilizia, ecobonus, sismabonus (altro…)

5 giorni ago