Manovra correttiva 2017 (dl 50/2017): novità per cittadini, tecnici e imprese

Manovra correttiva 2017: in vigore dal 24 aprile novità fiscali per imprese e professionisti su split payment, Durc, aliquote Iva agevolate, locazioni brevi, ecc.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, la manovra correttiva da 3,4 miliardi di euro, recante:

Disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo.

Il provvedimento contiene una serie di misure in materia di entrate, enti territoriali, giustizia tributaria, sviluppo economico e infrastrutture; nonché interventi per accelerare la ricostruzione delle regioni del Centro Italia colpite dal sisma.

Molte le novità fiscali per imprese e professionisti. Ecco una breve sintesi.

Misure in tema di entrate

Split payment

Il meccanismo dello split payment (meccanismo della scissione dei pagamenti dell’Iva) è esteso anche ai liberi professionisti; quando si emetterà una fattura ad una Pubblica Amministrazione o a società partecipate da enti pubblici oppure a società quotate, il committente non pagherà l’IVA al professionista, ma la verserà direttamente allo Stato. La norma vale per le fatture emesse dal 1° luglio 2017.

Durc

Il Durc, documento di regolarità contributiva, può essere ottenuto al momento in cui è presentata la dichiarazione di adesione alla definizione agevolata dei carichi pendenti affidati agli agenti della riscossione (rottamazione delle cartelle) utilizzando il modulo DA1, sempre che siano presenti gli altri requisiti di regolarità richiesti.

Inoltre, vengono elencati i casi di mancato rispetto della rateazione per cui il Durc è immediatamente annullato.

 Detrazione Iva

Cambiano i termini per la detrazione dell’Iva sugli acquisti che potrà esercitata entro il termine della presentazione della dichiarazione Iva relativa alla ricezione della fattura e non più entro il secondo anno.

Compensazioni Iva

Abbassato il limite delle compensazioni dei crediti imposta Iva/Irpef/Ires/Irap risultanti dalle dichiarazioni dei redditi: il visto di conformità sarà necessario per gli importi superiori a 5.000 euro e non più 15.000.

Inoltre, non sarà più possibile compensare con modello F24 le imposte richieste dall’ufficio in seguito al recupero di crediti indebitamente utilizzati che dovranno quindi essere obbligatoriamente versati.

Locazioni brevi con cedolare secca

In merito al regime fiscale delle locazioni brevi, a partire dal 1° giugno 2017, ai redditi derivanti da locazioni brevi si potranno applicare le disposizioni relative alla cedolare secca (dlgs 23/2011), con aliquota al 21% in caso di opzione.

Per “locazione breve” si intendono i contratti di locazione di immobili ad uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni stipulati da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, direttamente o tramite agenzie immobiliari.

Aliquote IVA

C’è un graduale avvio della sterilizzazione delle clausole di salvaguardia concernenti le aliquote IVA e delle accise; per la prima volta, dal 2011, l’aumento dell’Iva è stato limitato.

In particolare:

  • per l’aliquota intermedia del 10%, l’incremento 2018 viene limitato all’11,5% in luogo del 13%
  • per l’aliquota ordinaria del 22% ad oggi si prevede di passare al 25% nel 2018, al 25,4% nel 2019 per poi scendere al 24,9% nel 2020 e ritornare al 25% dal 2021

Nel 2019 è previsto un nuovo aumento delle accise sulla benzina.

Rideterminazione base Ace

Nuove regole sono state introdotte in merito al calcolo dell’agevolazione fiscale Ace: si calcolerà sull’incremento di patrimonio degli ultimi 5 anni e non più dal 1° gennaio 2011.

Inoltre, sono previste:

  • misure antifrode, di contrasto alle compensazioni fiscali indebite misure
  • aumento del prelievo sui giochi

Misure in materia di giustizia tributaria

Rottamazione liti pendenti

Prevista la possibilità di chiedere, entro il 30 settembre 2017, la definizione delle liti tributarie nei confronti dell’Agenzia delle Entrate con il pagamento degli importi contestati con l’atto impugnato e degli interessi da ritardata iscrizione a ruolo, al netto di sanzioni e interessi di mora.

Misure in materia di enti territoriali

Tra queste segnaliamo:

  • la modifica dei criteri di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale
  • un contributo a favore delle province delle regioni a statuto ordinario
  • la procedura per la determinazione di fabbisogni standard e capacità fiscali standard delle Regioni a statuto ordinario
  • l’attribuzione della quota investimenti Regioni
  • misure in materia di finanziamento del trasporto pubblico locale

Tra le misure in favore delle zone terremotate, è prevista l’istituzione di un fondo specifico di 1 miliardo di euro per ciascun anno del triennio 2017-2019 finalizzato a consentire l’accelerazione delle attività di ricostruzione.

Misure per lo sviluppo economico e in materia di infrastrutture

  • maggiori incentivi alle quotazioni con riferimento alle piccole e medie imprese (equity crowfunding)
  • estensione temporale delle agevolazioni per le start-up innovative
  • agevolazione per finanziare progetti di ammodernamento degli impianti sportivi pubblici
  • misure per la qualità del trasporto pubblico locale
  • adeguamento delle linee ferroviarie regionali agli standard di sicurezza nazionali
  • allineamento del regime patent box alle linee guida Ocse
  • disposizioni in materia di eventi sportivi (Ryder Cup 2022, finali di coppa del mondo di sci a marzo 2020 e campionati mondiali di sci alpino di Cortina d’Ampezzo nel febbraio 2021)

 

Clicca qui per scaricare il dl 50/2017

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *