In arrivo 265 milioni di euro in investimenti innovativi per liberi professionisti e Pmi del Sud

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa / Salva PDF

Firmato il decreto MISE che promuove gli investimenti innovativi: ecco i termini e le modalità di concessione ed erogazione delle agevolazioni

Il Ministro dello Sviluppo economico (MISE) ha firmato il decreto con le agevolazioni in favore dei liberi professionisti e delle Pmi per promuovere gli investimenti innovativi nelle regioni del Sud (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Lo scopo è di rafforzare la competitività dei sistemi produttivi e lo sviluppo tecnologico; ossia sostenere la trasformazione digitale delle imprese attraverso l’utilizzo delle tecnologie previste nell’ambito del piano Impresa 4.0.

Decreto del MISE

Il decreto disciplina i termini e le modalità di concessione ed erogazione delle agevolazioni; le domande verranno valutate e gestite da Invitalia con il procedimento a sportello.

Le risorse messe a disposizione ammontano, complessivamente, a 265 milioni di euro, di cui il 25% riservato alle micro e piccole aziende, Pmi.

Soggetti beneficiari

I soggetti aventi diritto alle agevolazioni sono:

  • le Pmi;
  • le reti d’impresa;
  • i liberi professionisti.

Condizioni necessarie per accedere agli investimenti sono:

  • alla data di presentazione della domanda devono essere regolarmente costituite e iscritte nel registro delle imprese;
  • i beneficiari non abbiano effettuato, nei 2 anni precedenti, una delocalizzazione verso l’unità produttiva oggetto dell’investimento;
  • i beneficiari non devono fare la delocalizzazione fino ai 2 anni successivi al completamento dell’investimento.

Durata ed importo dell’investimento

I programmi di investimento dovranno avere una durata non superiore ad 1 anno; è possibile prevedere spese ammissibili di importo non superiore a 3 milioni di euro ed essere realizzati.

Spese ammissibili

Tra le spese ammesse:

  • l’acquisto di impianti;
  • attrezzature e macchinari nuovi di fabbrica.

Le unità produttive devono essere localizzate nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Rimaniamo in attesa di successivi provvedimenti del Ministero, con cui verranno rese note le modalità operative per la presentazione delle domande.

 

edificius
edificius

Clicca qui per accedere al sito del Mise

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *