Decreto IMU diventa Legge. Tutte le novità da sapere

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge di conversione del D. L. 31 agosto 2013, n. 102 recante disposizioni anche in materia di IMU.

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la Legge di conversione del D. L. 31 agosto 2013, n. 102 recante disposizioni anche in materia di IMU.

Nel testo del Decreto viene confermata la cancellazione per il 2013 della prima rata IMU relativamente a:

  • abitazione principale e relative pertinenze (ad eccezione degli immobili di lusso, ville e castelli)
  • immobili appartenenti a cooperative edilizie
  • terreni agricoli
  • fabbricati rurali

Immobili destinati alla vendita
Confermata l’esenzione dell’IMU dai fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fino a quando permane tale destinazione e non risultano locati. Al riguardo, ai fini dell’applicazione della predetta esenzione, il soggetto passivo deve presentare entro il termine ordinario per la presentazione delle dichiarazioni di variazione dell’IMU, apposita dichiarazione, utilizzando il modello ministeriale predisposto, con cui attesta il possesso dei requisiti e indica gli identificativi catastali sui quali il beneficio si applica.

Immobili in comodato gratuito
È attribuita ai Comuni la facoltà di equiparare all’abitazione principale, ai fini dell’applicazione dell’IMU, le unità immobiliari concesse in comodato dal soggetto passivo dell’imposta ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, con esclusione delle abitazioni classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

Cedolare secca
Viene ridotta l’aliquota della cedolare secca per gli immobili locati a canone “concordato”. A decorrere dall’anno di imposta 2013, l’aliquota passa dal 19% al 15%.

Misure di sostegno all’accesso alla casa
Vengono introdotte misure di sostegno all’accesso all’abitazione e al settore immobiliare, attraverso l’intervento della Cassa Depositi e Prestiti e il rifinanziamento di Fondi per l’acquisto della prima casa e per l’accesso alle abitazioni in locazione.
La maggiore disponibilità finanziaria concessa alle banche deve essere destinata all’erogazione di nuovi finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione principale, preferibilmente appartenente ad una delle classi energetiche A, B o C, e per interventi di ristrutturazione ed efficientamento energetico, con priorità per le giovani coppie, per i nuclei familiari con disabili e per le famiglie numerose.

Clicca qui per scaricare la Legge 124 del 28 ottobre 2013 di conversione del D.L. IMU
Clicca qui per scaricare il D.L. IMU coordinato

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *