La guida alla piattaforme di lavoro elevabili nei cantieri

Dall’Inail le prassi operative per l’uso in sicurezza delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE): i criteri di scelta e modalità d’uso, la valutazione dei rischi, la gestione delle emergenze e le procedure operative

Nei cantieri edili le cadute dall’alto rappresentano una costante nell’ambito degli infortuni gravi sul lavoro.

Nell’eseguire lavori in quota, si va sempre più diffondendo l’utilizzo delle piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE), o più semplicemente cestelli.

Si tratta di mezzi mobili, comandati direttamente dalla piattaforma di lavoro senza dover usare scale, per l’accesso aereo di persone che devono eseguire lavori temporanei in quota dai 2 ad oltre 100 metri di altezza dal piano terra; ossia:

  • a quote relativamente basse, in sostituzione di scale e ponti su ruote (trabattelli)
  • a grandi altezze, in alternativa ad opere provvisionali (ponteggi)

Se usate in sicurezza, le PLE riducono significativamente il rischio di infortuni da cadute dall’alto; permettono, inoltre, di risparmiare tempo e rendere i lavori in quota più efficienti, efficaci e sicuri rispetto ai metodi di accesso tradizionali.

Al fine di migliorare le condizioni di sicurezza durante l’uso dei mezzi mobili di accesso aereo, l’Inail ha pubblicato la guida PLE nei cantieri, edizione 2016.

Guida piattaforme di lavoro elevabili

La pubblicazione ha lo scopo di fornire a tutti gli addetti ai lavori le conoscenze base per utilizzare in sicurezza le piattaforme, prendendo in considerazioni i seguenti elementi:

  • tipologia e caratteristiche della macchina utilizzata
  • ambiente di lavoro
  • tipologia di lavoro da eseguire

Ricorda, inoltre, che tra le cause più frequenti di incidenti si ha:

  • il ribaltamento della macchina dovuto a errato posizionamento o stabilizzazione o a cedimento del terreno e il cedimento o ribaltamento
    causato da sovraccarico
  • il ribaltamento durante la fase di carico o scarico su mezzi di trasporto
  • l’urto con altri mezzi in movimento
  • l’urto con strutture fisse
  • l’intrappolamento tra la base e la struttura
  • la discesa incontrollata per guasto ai componenti
  • l’intrappolamento con parti mobili
  • le cadute dal cestello

La guida introduce il quadro legislativo di riferimento e passa, poi, ad analizzare:

  • le tipologie, i criteri di scelta e modalità d’uso delle piattaforme
  • le cause degli incidente
  • gli elementi da considerare nella valutazione dei rischi
  • la gestione delle emergenze e le procedure operative

Inoltre, il documento approfondisce anche altri  aspetti molto importanti:

  • i doveri e le responsabilità in caso di nolo delle PLE
  • l’uso della PLE nelle gallerie in costruzione

 

Clicca qui per scaricare la guida Inail, 2016

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *