Dall’ANCE il dossier con le misure per l’edilizia della legge di Bilancio 2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

L’Associazione dei costruttori ha redatto un documento che illustra tutte le novità per il settore delle costruzioni contenute nella legge di Bilancio 2020

L’ANCE (associazione nazionale costruttori edili) ha elaborato una sintesi delle misure per l’edilizia, della legge di Bilancio 2020.

Di seguito tutti i commi, dell’art.1 della legge n. 160/2019 (legge di Bilancio 2020) che riguardano l’edilizia individuati dall’ANCE:

  1. comma 3  – CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA IVA;
  2. commi 4/5 e 738/783 – UNIFICAZIONE DISCIPLINA IMU-TASI;
  3. comma 6 – CEDOLARE SECCA PER I CONTRATTI A CANONE CONCORDATO;
  4. comma 70 e 176 – ELIMINAZIONE DELLO SCONTO IN FATTURA;
  5. comma 118 – CREDITO D’IMPOSTA PER IL MONITORAGGIO STRUTTURALE DEI FABBRICATI;
  6. comma 175 – PROROGA BONUS EDILIZIA E ECOBONUS;
  7. comma 176 – ELIMINATA LA CESSIONE DEL CREDITO PER I “LAVORI ENERGETICI” DEL BONUS EDILIZIA;
  8. commi 184-197 – CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI – “IMPRESA 4.0”;
  9. commi 219/224 – “BONUS FACCIATE” ;
  10. comma 287 – REINTRODUZIONE DELL’ACE;
  11. comma 319 – PROROGA DEL CREDITO D’IMPOSTA PER INVESTIMENTI NEL MEZZOGIORNO;
  12. comma  629 – REVISIONE DELLE TAX EXPENDITURES;
  13. comma 679/680 – TRACCIABILITÀ DELLE DETRAZIONI D’IMPOSTA;
  14. comma 690 – ESTROMISSIONE DEI BENI D’IMPRESA;
  15. commi 693/694 – RIVALUTAZIONE TERRENI DEI PRIVATI;
  16. comma 695 – IMPOSTA SOSTITUTIVA SU PLUSVALENZE PATRIMONIALI;
  17. commi 696/704 – RIVALUTAZIONE BENI D’IMPRESA.

Legge di Bilancio 2020: le misure per l’edilizia

Ecco le misure per l’edilizia contenuti in alcuni commi dell’art.1:

Blocco dell’aumento IVA (comma 3)

Viene prevista l’eliminazione, per il 2020, della cd “clausola di salvaguardia” che avrebbe comportato, l’aumento dell’aliquota IVA ordinaria dal 22% al 25,2%, e di quella ridotta dal 10% all’13%, con un costo per il bilancio dello Stato pari a circa 23 miliardi di euro.

Unificazione IMU-TASI (commi 4-5 e 738-783)

La legge di Bilancio 2020 riscrive la disciplina delle imposte municipali sul possesso immobiliare, unificando a decorrere dal 2020 le attuali IMU e TASI (quest’ultima oggetto di definitiva abolizione) nella cosiddetta “nuova IMU”.

Cedolare secca per contratti a canone concordato (comma 6)

In tema di “cedolare secca”, la legge di Bilancio interviene in via definitiva sull’aliquota applicabile per i contratti “a canone concordato” che, a decorrere dal 2020, è fissata in misura ridotta al 10% (anziché al 15%).

Credito d’imposta per il monitoraggio strutturale (comma 118)

Al fine di incrementare il livello di sicurezza degli immobili, viene introdotto un credito d’imposta, ai fini delle imposte sul reddito, per le spese documentate relative all’acquisizione e predisposizione dei sistemi di monitoraggio strutturale continuo.

Eliminata la cessione del credito per i lavoratori energetici (comma 176)

Viene abrogata, dal 1° gennaio 2020, la facoltà, per i contribuenti che beneficiano della detrazione IRPEF del 50% spettante per i soli interventi di risparmio energetico effettuati su fabbricati abitativi, di optare per la cessione del credito.

Reintroduzione dell’ ACE (comma 287)

A decorrere dal periodo d’imposta 2019, viene reintrodotto l’Aiuto alla Crescita Economica (ACE) come incentivo alla patrimonializzazione delle imprese, al posto della cd “Mini-Ires” che viene così abrogata.

Proroga del credito d’imposta per investimenti nel mezzogiorno (comma 319)

Viene prorogato fino al 31 dicembre 2020 il “Credito di imposta per il Mezzogiorno” che, istituito dalla legge di Stabilità 2016, viene riconosciuto per l’acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive site nelle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

Revisione delle tax expenditures (comma 629)

A decorrere dal periodo di imposta 2020, viene introdotta una soglia di reddito oltre la quale le detrazioni Irpef relative a oneri di spesa, riconosciute nella misura del 19%, ai sensi dell’art.15 del DPR 917/1986-TUIR, si azzerano con gradualità.

Tracciabilità delle detrazioni d’imposta ( commi 679-680)

Viene previsto, inoltre, che, per fruire delle detrazioni IRPEF pari al 19%, ai sensi dell’art.15 del TUIR e di altre disposizioni normative (non specificate), gli oneri devono essere pagati con versamento bancario o postale, oltre al bonifico bancario o postale, oppure attraverso carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari.

Estromissione dei beni d’impresa (comma 690)

Viene confermata anche per il 2020 la disposizione che agevola l’estromissione dei beni posseduti dagli imprenditori individuali al 31 ottobre 2019, per esclusioni dal patrimonio dell’impresa effettuate dal 1° gennaio 2020 al 31 maggio 2020, con pagamento di un’imposta sostitutiva di IRPEF e IRAP, in misura pari all’8%.

Rivalutazione terreni dei privati ( commi 693-694)

Viene disposta un’ulteriore riapertura dei termini per la rivalutazione delle aree (edificabili o agricole) e delle partecipazioni, possedute da privati non esercenti attività commerciale, oggetto, nel tempo, di diverse proroghe.

Imposta sostitutiva su plusvalenze patrimoniali (comma 695)

Viene innalzata dal 20% al 26% l’aliquota dell’imposta sostitutiva dovuta sulle plusvalenze derivanti dalla cessione a titolo oneroso di beni immobili (escluse le aree edificabili) acquistati o costruiti da meno di 5 anni.

Rivalutazione beni d’impresa (commi 696-704)

Viene, infine, prevista una nuova riapertura dei termini anche per la rivalutazione dei beni d’impresa risultanti nel bilancio relativo all’esercizio in corso al 31 dicembre 2018, con applicazione di un’imposta sostitutiva del 12% per i beni ammortizzabili e del 10% per quelli non ammortizzabili, da applicare sul maggior valore riconosciuto.

 

primus

Clicca qui per scaricare il dossier ANCE sulla legge di Bilancio 2020

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *