Dall’Autorità di Vigilanza le linee guida per l’accordo bonario (ex art. 31bis L.109/94 – art. 149 D.P.R. 554/99)

L’Autorità per la Vigilanza sui Lavori Pubblici, in seguito all’esame delle copie degli accordi bonari pervenuti, ha riscontrato la significativa presenza di anomalie di vario tipo.

L’Autorità per la Vigilanza sui Lavori Pubblici, in seguito all’esame delle copie degli accordi bonari pervenuti, ha riscontrato la significativa presenza di anomalie di vario tipo.
Il Consiglio ha pertanto diffuso la Deliberazione n. 249 del 2003, nella quale, oltre ad elencare le anomalie più frequentemente riscontrate, descrive la corretta procedura da seguire per la definizione di un accordo bonario.
In particolare l’Autorità individua, secondo le norme vigenti, compiti e responsabilità del Responsabile del Procedimento, del direttore dei lavori, dell’appaltatore e del legale rappresentante della Stazione Appaltante, oltre che gli elaborati interessati ed i tempi da rispettare.

Documento Dimensione Formato
Delibera 249 dell’Autorità per la Vigilanza sui Lavori Pubblici 59 Kb ACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *