Dal Ministero dello Sviluppo Economico le Linee Guida sugli impianti di cogenerazione

Scopo della guida è semplificare i metodi di calcolo delle grandezze rilevanti ai fini del riconoscimento di unità di cogenerazione ad alto rendimento e dell’accesso al meccanismo dei Certificati Bianchi.

Come già visto in altri articoli di BibLus-net (V. approfondimenti su impianti di cogenerazione), la cogenerazione consiste nella produzione e nel consumo contemporaneamente di diverse forme di energia, prodotte da un’unica fonte e in un unico processo.

L’utilizzo di impianti di cogenerazione trova impiego in edilizia ad esempio per riscaldamento e produzione di energia per interi edifici o piccoli comuni.
Per gli impianti di cogenerazione sono previste forme di incentivazione, come previsto dal D. M. 5 settembre 2011.

Il Dipartimento dell’Energia del Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato le Linee guida per l’applicazione del D.M. 5 settembre 2011. Scopo della guida è semplificare i metodi di calcolo delle grandezze rilevanti ai fini del riconoscimento di unità di cogenerazione ad alto rendimento e dell’accesso al meccanismo dei Certificati Bianchi.

Il documento offre un utile supporto ai progettisti, fornendo indicazioni circa le regole generali e i possibili casi che possono presentarsi durante la progettazione.
Nella prima parte del documento vengono fornite tutte le definizioni e illustrati i criteri di calcolo delle grandezze fisiche in gioco.
Nella seconda parte vengono approfonditi argomenti quali:

  • la configurazione di un impianto di cogenerazione
  • l’individuazione dei limiti di batteria
  • la scelta dei parametri da assumere per il calcolo delle grandezze

Clicca qui per scaricare le Linee Guida sugli impianti di cogenerazione e sull’accesso agli incentivi
Clicca qui per scaricare il D.M. 5 settembre 2011

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *