Dal CNI le linee guida per il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione

Il CNI (Consiglio nazionale degli ingegneri) ha pubblicato un documento con le linee guida per il CSP (coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione)

Il CNI (Consiglio nazionale degli ingegneri) ha pubblicato un documento con le linee guida per il CSP (coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione).

Il ruolo del coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione (CSP) presenta una serie di criticità legate al fatto di dove “progettare” la sicurezza ex ante: all’importanza che questo riveste nel raggiungimento dell’obiettivo di garantire la salute e sicurezza dei lavoratori.

Molto spesso accade che l’affidamento dell’incarico, soprattutto nei cantieri privati, avvenga in un momento successivo a quello della progettazione dell’opera. Ciò porta il ruolo del CSP ad una mera redazione del PSC (Piano di Sicurezza e Coordinamento), senza che egli possa intervenire in modo efficace all’atto delle scelte progettuali.

Il CNI ha affrontato la tematica in un documento contenente le linee guida per il coordinatore in fase di progettazione.

Durante la progettazione dell’opera e comunque prima della richiesta di presentazione delle offerte, il CSP deve:

  • redigere il PSC (Piano di Sicurezza e Coordinamento) di cui all’art. 100, comma1 i cui i contenuti minimi sono specificati nell’allegato XV
  • predisporre il fascicolo adattato alle caratteristiche dell’opera, i cui contenuti sono stabiliti nell’Allegato XVI
  • eseguire una valutazione del rischio relativa alla presenza di ordigni bellici inesplosi rinvenibili durante le attività di scavo
  • coordinare l’applicazione delle disposizioni di cui all’art. 90, comma 1 del D.Lgs 81/08, ovvero “Il committente o il responsabile dei lavori, nelle fasi di progettazione dell’opera, si attiene ai principi e alle misure generali di tutela di cui all’articolo 15, in particolare:
    • al momento delle scelte architettoniche, tecniche ed organizzative, onde pianificare i vari lavori o fasi di lavoro che si svolgeranno simultaneamente o successivamente;
    • all’atto della previsione della durata di realizzazione di questi vari lavori o fasi di lavoro”

Durante lo svolgimento dei suoi compiti, il CSP deve essere in sinergia sia con il progettista che con il committente e deve interagire con essi in modo che la realizzazione dell’opera e la sua successiva manutenzione avvengano nel pieno rispetto della normativa in materia di salute e sicurezza dei lavoratori.

Il documento del CNI, oltre agli obblighi di legge in capo al CSP, contiene una serie di azioni consigliate legate a tutta l’attività di coordinamento in fase di progettazione dell’opera.

 

Clicca qui per scaricare le linee guida

Clicca qui per conoscere CerTus, la soluzione per la sicurezza sui cantieri

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *