Dal 1° ottobre obbligatori i tesserini di riconoscimento in cantiere

La Legge 4 agosto 2006, n. 248 (conversione del D.L. Bersani) introduce, all’ art. 36 bis, misure per la promozione della sicurezza nei luoghi di lavoro.

La Legge 4 agosto 2006, n. 248 (conversione del D.L. Bersani) introduce, all’ art. 36 bis, misure per la promozione della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Ai sensi del comma 4 del citato art. 36 bis, a decorrere dal 1° ottobre 2006, nell’ambito dei cantieri edili, i datori di lavoro dovranno munire il personale occupato di un’apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l’indicazione del datore di lavoro.
Tutti i lavoratori presenti in cantiere, compresi i lavoratori autonomi (che devono provvedervi per proprio conto), sono tenuti ad esporre il tesserino.
Se il datore di lavoro non provvede a fornire ai lavoratori il citato tesserino di riconoscimento incorre in una sanzione amministrativa da 100 a 500 euro (per ciascun lavoratore).
Se il lavoratore, munito della tessera di riconoscimento, non provvede ad esporla incorre in una sanzione amministrativa da 50 a 300 euro.
Chi ha meno di 10 dipendenti ha la possibilità di evitare il tesserino se provvede a tenere un registro vidimato dalla Direzione Provinciale del Lavoro in cui annotare quotidianamente i nomi degli addetti presenti in cantiere.
Il medesimo art. 36 bis prevede inoltre:

  • che i datori di lavoro comunichino (art. 9-bis D.L. 510/1996) le nuove assunzioni il giorno antecedente a quello di instaurazione dei relativi rapporti, mediante documentazione avente data certa;
  • l’inasprimento delle sanzioni per i datori di lavoro che impiegano lavoratori in nero.
Documento Dimensione Formato
Legge 4 agosto 2006, n. 248 – “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223” 4,08 Mb PDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *