Immagine categoria approfondimenti tecnici

Da Legambiente e Protezione Civile la fotografia del rischio idrogeologico

Ecosistema Rischio è l’indagine di Legambiente e del Dipartimento della Protezione Civile per realizzare una costante e aggiornata fotografia delle fragilità idrogeologiche del territorio italiano e per valutare le attività messe in opera dalle amministrazioni locali per la prevenzione e la mitigazione di tale rischio.

Le recenti alluvioni che hanno colpito il Veneto, la Calabria e la provincia di Salerno sono le drammatiche testimonianze di quanto il nostro Paese sia fortemente esposto al rischio idrogeologico, e di come il territorio risulti anno dopo anno più fragile. Eventi che ancora una volta confermano come siano soprattutto i piccoli torrenti e le fiumare il principale tallone d’Achille d’Italia, corsi d’acqua minori che vengono intubati, imbrigliati, lasciati invadere da detriti d’ogni genere, spesso usati come discariche.

Ecosistema Rischio è l’indagine di Legambiente e del Dipartimento della Protezione Civile per realizzare una costante e aggiornata fotografia delle fragilità idrogeologiche del territorio italiano e per valutare le attività messe in opera dalle amministrazioni locali per la prevenzione e la mitigazione di tale rischio.

Ecosistema Rischio 2010 si è concentrata sui 5.581 comuni in cui sono presenti aree a rischio elevato e molto elevato, secondo lo studio pubblicato nel 2003 da Ministero dell’Ambiente e Unione delle Province Italiane. Le informazioni riportate nel dossier Ecosistema Rischio 2010 derivano dalle risposte ad un questionario fornite dalle amministrazioni comunali stesse e pertanto rappresentano una fotografia della situazione realizzata proprio dagli stessi comuni.

Tra le amministrazioni comunali considerate a più alto rischio idrogeologico dal Ministero dell’Ambiente e dall’UPI, sono 2.053 quelle che hanno risposto al questionario di Ecosistema rischio (il 37% dei comuni a rischio d’Italia).

Clicca qui per scaricare il testo del Dossier Ecosistema Rischio 2010

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *