Crediti con la Pubblica Amministrazione: il via alla certificazione dei crediti con trasmissione telematica

Il sistema finanziario, collegandosi alla piattaforma elettronica pubblica, potrà verificare direttamente lo stato del credito dando il via rapidamente alle procedure di anticipazione o sconto da parte di banche e/o intermediari.

I creditori che vantano crediti nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, relativamente a somme dovute per somministrazioni, forniture e appalti, hanno disponibile la nuova procedura online per la certificazione dei crediti.

Attraverso un comunicato stampa il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il MEF, rende noto che è disponibile la piattaforma elettronica per la certificazione dei crediti, ai sensi dei decreti ministeriali del 22 maggio 2012 e del 25 giugno 2012, con il dichiarato intento di semplificare e accelerare i pagamenti delle pubbliche amministrazioni nei confronti delle imprese.

Le amministrazioni debitrici (amministrazioni statali, enti pubblici nazionali, regioni, enti locali) devono richiedere l’abilitazione sul sistema entro il 19 novembre 2012, trenta giorni dopo la comunicazione; se l’amministrazione debitrice non effettua l’abilitazione, trascorso il termine previsto, sarà l’impresa creditrice ad abilitarsi e fare istanza di certificazione del credito.
L’indirizzo per collegarsi alla piattaforma elettronica per lo svolgimento del procedimento di certificazione dei crediti è: http://certificazionecrediti.mef.gov.it/CertificazioneCredito/home.xhtml
Il sistema finanziario, collegandosi alla piattaforma elettronica pubblica, potrà verificare direttamente lo stato del credito dando il via rapidamente alle procedure di anticipazione o sconto da parte di banche e/o intermediari.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa del MEF

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *