Cosa succede quando il direttore dei lavori è incompetente professionalmente? Chi paga i danni?

Corte di Cassazione: se il direttore dei lavori assume l’incarico per un’opera che non rientra tra le sue competenze è nullo il contratto e nessun risarcimento è dovuto.

Che cosa succede se il direttore dei lavori assume l’incarico per un’opera che non rientra tra le sue competenze? Chi paga gli eventuali danni che dovessero verificarsi?

La risposta viene fornita dalla Corte di Cassazione, con la Sentenza del 4 febbraio 2014.

Il caso in esame si riferisce all’incarico di direttore dei lavori per la realizzazione di un fabbricato, affidato dai proprietari del terreno ad un geometra di loro fiducia.
Il direttore dei lavori, come viene ricordato, non è una figura obbligatoria, ma una volta nominato deve far si che l’opera appaltata risulti conforme a quella progettata. Pertanto l’incarico può essere assunto esclusivamente da professionisti titolati rispetto allo specifico intervento.

Nella sentenza in oggetto, il geometra aveva assunto l’incarico di direttore dei lavori per la realizzazione di opere che non rientravano tra le sue competenze.
In tal caso, il contratto di direzione dei lavori va considerato nullo e, di conseguenza, nessun risarcimento a titolo contrattuale per la mancata o non corretta realizzazione dell’opera può essere addebitato al professionista.

Clicca qui per scaricare la sentenza del 4 febbraio 2015, n. 2040

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *