Al via il Comitato di Coordinamento per la normazione e regolazione tecnica in edilizia

Si è riunito per la prima volta il Comitato di Coordinamento per la normazione e regolazione tecnica nel settore delle costruzioni; l’obiettivo è quello di coordinare Enti e Istituzioni

Il 12 marzo 2019, presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, si è insediato ed ha svolto la prima riunione il “Comitato di Coordinamento per la normazione e regolazione tecnica nel settore delle costruzioni”, composto da rappresentanti:

  • del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici
  • del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
  • dell’Ente Italiano di Normazione (UNI)

L’obbiettivo di tale comitato è coordinare Enti ed Istituzioni, consapevoli che il sistema della normazione e della regolazione tecnica per le costruzioni nel nostro Paese è particolarmente articolato, costituisce pertanto un elemento cruciale, non solo per la sicurezza e la qualità delle opere infrastrutturali ed edilizie, ma soprattutto quale elemento di rilancio e sviluppo economico dell’intero Paese.

Le Legge assegna al Consiglio Superiore dei LL.PP., all’UNI ed al CNR, fondamentali e distinte competenze in questa materia, affidando al Consiglio Superiore dei LL.PP. l’attività di proposta e implementazione della regolazione cogente nel settore delle Costruzioni, nonché di vigilanza sugli organi di normazione in materia strutturale e di rappresentanza presso gli organismi di regolazione comunitaria, all’UNI compiti legati alla normazione volontaria del settore ed infine al CNR funzioni di ricerca e prenormazione mediante documenti tecnici.

Tali ambiti, sia pur chiaramente individuati e distinti, hanno importanti campi di potenziale interazione, soprattutto in ragione delle modalità con cui documenti di natura volontaria possono essere richiamati nella regolazione cogente, di cui alla Normativa Tecnica per le Costruzioni.

Il Comitato, istituito su proposta del Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP., ha l’obiettivo di rendere la suddetta attività decisamente più efficace ed efficiente, nell’ottica di fornire, congiuntamente, il miglior contributo possibile allo sviluppo economico sostenibile del Paese.

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *