Contributo a fondo perduto post Covid-19, erogati oltre 2,9 miliardi per 890.000 istanze

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Sono 1,2 milioni le domande per accedere ai contributi a fondo perduto previsti dal dl rilancio: 890.000 le istanze già in pagamento da parte delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate ha stilato un primo bilancio sulle domande di finanziamento del contributo a fondo perduto introdotto dal dl Rilancio.

Dal 15 giugno, giorno dell’apertura del canale dedicato dell’Agenzia delle Entrate, sono state più di 890.000 gli ordinativi di pagamento emessi per un importo complessivo 2,9 miliardi di euro.

Le somme sono accreditate direttamente sui conti correnti di:

  • imprese;
  • commercianti;
  • artigiani.

Ad oggi sono oltre un milione (più precisamente 1.208.085) le istanze di contributo a fondo perduto provenienti da tutto il territorio nazionale.

Le istanze per tipologia di attività

Le domande presentate riguardano:

  • 343.000 – il settore commercio all’ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli;
  • 164.000 – i  servizi di alloggio e di ristorazione;
  • 162.000 – il comparto lavori di costruzione;
  • 143.000 – le attività manifatturiere;
  • 42.000 – le agenzie di viaggio;
  • 40.000 – il  settore del trasporto e magazzinaggio;
  • 35 mila – le  attività immobiliari.

Le domande regione per regione

Le domande provengono in maniera pressoché omogenea da tutto il territorio nazionale.

Sul totale di oltre 1,2 milioni, infatti, le istanze provengono:

  • 207.200 dalla Lombardia;
  • 110.577 dalla Campania;
  • 106.442 dal Veneto;
  • 105.010 dal Lazio;
  • 94.457 dall’Emilia Romagna;
  • 89.704 dalla Toscana;
  • 83.496 dal Piemonte;
  • 79.356 dalla Sicilia;
  • 78.768 dalla Puglia.

 

Clicca qui per scaricare la guida delle Entrate sui contributi a fondo perduto

 

factus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *