Contratti pubblici di lavori, servizi e forniture: 40.000 euro la soglia minima per le comunicazioni

Dal 30 ottobre 2013 è aggiornata a 40.000 euro (rispetto ai 150.000 euro previsti dal Decreto 163/2006) la soglia minima per le comunicazioni.

L’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici con Comunicato del 22 ottobre 2013 rettifica il comunicato del 29 aprile 2013.
Dal 30 ottobre 2013 è aggiornata a 40.000 euro (rispetto ai 150.000 euro previsti dal Decreto 163/2006) la soglia minima per le comunicazioni.

I dati da inviare variano in base al tipo di contratto:

  • per i contratti di importo pari o superiore a 40.000 euro i dati inviati sono relativi all’intero ciclo di vita dell’appalto per i settori ordinari; mentre per quelli speciali fino all’aggiudicazione compresa. Nel caso in cui l’importo è invece inferiore a 40.000 euro basta la sola acquisizione dello SmartCIG.
  • per i contratti parzialmente esclusi di cui agli articoli 19, 20, 21, 22, 23, 24 e 26 del Decreto 163/2006 di importo pari o superiore a 40.000 euro, i dati da inviare sono quelli fino alla fase di aggiudicazione compresa. Per importo inferiore a 40.000 euro è sufficiente la sola acquisizione dello SmartCIG.
  • per i contratti relativi agli accordi quadro e consimili di importo pari o superiore a 40.000 euro, dovranno essere comunicati i dati relativi alla fase di aggiudicazione ed eventuale stipula del contratto. Per importo inferiore a 40.000 euro è valida la sola acquisizione dello SmartCIG.

Clicca qui per scaricare il Comunicato dell’AVCP del 29 ottobre 2013

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *