Contenuto del riciclato e requisiti CAM: ecco la nuova UNI/PdR 88:2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Pubblicata la UNI/PdR 88:2020 per la verifica del contenuto di riciclato, recuperato e sottoprodotto anche ai fini dei requisiti CAM

Disponibile la UNI/PdR 88:2020Requisiti di verifica del contenuto di riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto presente nei prodotti“.

Il documento, è stato elaborato dal Tavolo di lavoro “Certificazione prodotti CAM” frutto della collaborazione tra:

  • UNI, AIOICI (Associazione Italiana Organismi Indipendenti di Certificazione e Ispezione);
  • ALPI (Associazione Laboratori e Organismi di Certificazione e Ispezione);
  • CONFORMA (Associazione di Organismi di Certificazione Ispezione Prova e Taratura).

La UNI/PdR 88:2020

Il documento definisce principalmente la modalità di verifica del contenuto di:

  • riciclato;
  • recuperato;
  • sottoprodotto;

dichiarato da un’organizzazione per un proprio prodotto immesso sul mercato nazionale, indipendentemente dalla sua tipologia.

La certificazione in materia di riciclato ed i CAM

La prassi stabilisce inoltre anche i requisiti dello schema e dell’iter certificativo di suddetti materiali.

La UNI/PdR 88:2020 viene  così ad essere uno strumento particolarmente utile a tutti gli organismi di certificazione chiamati a verificare e certificare il contenuto di materiale riciclato o recuperato di un prodotto, nel caso ulteriormente distinto tra la sua componente pre-consumer e post-consumer.

La nuova certificazione UNI/PdR 88:2020 può essere considerata un mezzo di verifica appropriato per dimostrare i requisiti relativi al contenuto di materiale riciclato, recuperato o di sottoprodotto indicati nei Criteri Ambientali Minimi (CAM) emanati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e si applicano a prodotti che:

  • sono realizzati in metalli, loro leghe e loro derivati, inclusi i prodotti derivati dal ciclo di fabbricazione di tali metalli, esclusi gli imballaggi;
  • sono destinati ad essere utilizzati nei settori edilizia, costruzioni ed arredo urbano;
  • non dispongono di specifiche norme o prassi di riferimento inerenti la verifica del contenuto di materiale riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto.

La prassi non si applica, in ogni caso, ai materiali ed ai manufatti ottenuti dalla valorizzazione:

  • dei rifiuti plastici provenienti dalla raccolta differenziata o da altri circuiti post-consumo;
  • ai materiali ed ai manufatti ottenuti da rifiuti pre-consumo industriali
  • ai materiali ed ai manufatti ottenuti da sottoprodotti di plastica;
  • ai lubrificanti, ai carburanti ed ai biocarburanti, liquidi e gassosi, prodotti dal recupero dei rifiuti o contenenti materiale riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto;
  • ad altri prodotti o materiali che dispongono di specifiche norme o prassi di riferimento inerenti la verifica del contenuto di materiale riciclato e/o recuperato e/o sottoprodotto.

Allo stesso modo la UNI/PdR 88:2020 risulta utile per la dimostrazione dei medesimi requisiti richiesti ai prodotti, componenti e materiali dai diversi protocolli di sostenibilità degli edifici (ad es. LEED, ITACA, ecc.).

Le norma UNI/PdR 88:2020  è scaricabile a pagamento dal sito UNI (Ente Italiano di Normazione).

 

primus-c

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *