Contabilizzazione del calore

Ripartizione spese di riscaldamento, la Uni 10200 è in inchiesta pubblica

Contabilizzazione del calore, fino al 13 giugno 2016 le osservazioni sulla norma tecnica Uni 10200 per la ripartizione delle spese di riscaldamento e acqua calda

Il dlgs 102/2014, in recepimento della Direttiva 2012/27/UE, ha fissato al 1° gennaio 2017 l’obbligo di installazione per tutti i condomini con riscaldamento centralizzato (a meno di motivati e certificati impedimenti tecnici) di:

  • valvole termostatiche
  • contabilizzatori di calore
  • ripartitori di calore
  • dispositivi di termoregolazione

Per la ripartizione delle spese di riscaldamento a seguito dell’adozione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione è obbligatorio far riferimento alla norma Uni 10200 (all’art. 9, comma 5 lettera d del dlgs 102/2014).

La Uni 10200, norma tecnica elaborata dalla Commissione Tecnica 803 del CTI fornisce i criteri per ripartire la spesa totale di riscaldamento e acqua calda sanitaria e si applica agli edifici di tipo condominiale dotati di impianti termici centralizzati.

La norma Uni 10200 è attualmente in inchiesta pubblica fino al 13 giugno 2016.

E’ possibile fare osservazioni alla bozza della nuova norma sul sito www.uni.com, nella sezione “inchiesta pubblica finale”, inserendo il codice progetto E0208F600.

In definitiva, quando sarà approvata la nuova norma i condomìni dovranno dotarsi di una relazione, a cura di un tecnico abilitato, la quale accerti che i criteri adottati per la ripartizione della spesa siano conformi alla norma tecnica in vigore.

 

Clicca qui per scaricare lo speciale di BibLus-net “Contabilizzazione del calore e termoregolazione”

Clicca qui per conoscere TerMus-CRT, il software per la contabilizzazione del calore

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

4 commenti
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Occorre fare riferimento a condomini ed edifici polifunzionali.
      La Direttiva 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 impone agli Stati membri di conseguire un obiettivo nazionale indicativo globale di risparmio energetico pari al 9% entro il 2016, mediante servizi energetici e altre misure di miglioramento dell’efficienza energetica. In particolare la direttiva impone, entro il 31 dicembre 2016, l’adozione di contatori individuali per misurare il consumo di calore e di acqua calda per ciascuna unità immobiliare facente parte di un condominio o di un edificio polifunzionale servito da un impianto termico centralizzato o da teleriscaldamento.

      Rispondi
      • Umberto Scalera
        Umberto Scalera dice:

        Domanda se in un condominio con impianto termico centralizzato un piano dello stesso è con riscaldamento e produzione acqua calda autonomo come fare il calcolo dei millesimi per le spese fisse di riscaldamento?

        Rispondi
        • Nicola Furcolo
          Nicola Furcolo dice:

          Secondo il mio punto di vista, non dovrebbe partecipare alle spese di gestione; probabilmente, in base ai millesimi generali parteciperà alle spese straordinarie… Ti consiglio di consultarti con l’amministratore.

          Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *