Condensa e infiltrazioni in casa? Il costruttore è tenuto a risarcire il danno derivante da difetti e carenze!

Per agire contro il costruttore è sufficiente qualsiasi alterazione incidente sulla struttura e sulla funzionalità dell’edificio che ne pregiudichi il godimento in misura apprezzabile e l’impiego duraturo cui è destinato.

L’impresa è responsabile di tutti i difetti di costruzione, anche di quelli più piccoli.

È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con la Sentenza n. 14650 dell’11 giugno 2013, precisando che la responsabilità del costruttore vale anche per i difetti di piccola portata e non solo per quelli in grado di incidere sulla staticità dell’edificio.

Nel caso in esame un condominio aveva citato in giudizio il costruttore per alcuni difetti nell’immobile acquistato tra cui infiltrazioni in corrispondenza degli infissi, distacco dell’intonaco circostante, condensa dovuta a ponti termici dovuti alla composizione non omogenea della parete esterna in cemento e laterizio.

Il Tribunale ordinario aveva accolto la richiesta, condannando il costruttore al pagamento di 71.000 euro a titolo di risarcimento.
La Corte d’Appello aveva ribaltato la sentenza sostenendo che il risarcimento sarebbe stato possibile solo per difetti costruttivi così gravi da incidere sulle componenti essenziali dell’opera in modo da pregiudicarne la normale utilità.
A detta della Cassazione, invece, per agire contro il costruttore è sufficiente qualsiasi alterazione incidente sulla struttura e sulla funzionalità dell’edificio che ne pregiudichi il godimento in misura apprezzabile e l’impiego duraturo cui è destinato.

Tra i gravi difetti di cui il costruttore è chiamato a rispondere, sostengono i giudici di legittimità, rientrano anche le infiltrazioni di acqua dovute a carenze dell’impermeabilizzazione che possono essere eliminate con interventi di manutenzione ordinaria.

Clicca qui per scaricare la Sentenza della Cassazione n. 14650 dell’11 giugno 2013

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *