Con Spid tutti i servizi del Fisco online, dall’affitto al catasto. Ecco come funziona

Dal 9 aprile grazie allo SPID è possibile accedere a tutti i servizi online dell’Agenzia delle Entrate: sarà più facile registrare un contratto di locazione, consultare i dati catastali, visualizzare la propria posizione nel cassetto fiscale

E’ stato pubblicato il 9 aprile 2018 il Provvedimento AE n.75242/2018 con le regole di determinazione dell’identità digitale (Spid).

Attraverso un unico nome utente e un’unica password i cittadini possono utilizzare in modo semplice, veloce e sicuro i servizi erogati online da oltre 4mila Pubbliche Amministrazioni, connettendosi da computer: con il provvedimento emesso dall’Agenzia delle Entrate la chiave unica di accesso viene estesa a tutti i servizi online offerti dall’amministrazione finanziaria.

Un unico identificativo, dunque, per iscrivere i figli a scuola, prenotare una visita in ospedale, richiedere il Bonus Mamma, registrare un contratto di locazione, presentare la dichiarazione precompilata.

Che cos’è SPID

Il Sistema pubblico di identità digitale rappresenta il documento di identificazione online del cittadino.

Nato nel marzo 2016 e utilizzato già da 2,3 milioni di persone (61% donne e il 39% uomini), Spid è il sistema di autenticazione che permette a cittadini ed imprese di accedere ai servizi online della pubblica amministrazione e dei privati aderenti con un’identità digitale unica.

L’identità Spid è costituita da credenziali (nome utente e password) che vengono rilasciate all’utente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online.

In merito alla privacy dei dati, il sistema non consente la profilazione garantendo la protezione dei dati personali e il livello di sicurezza adottato (Spid Livello 2) corrisponde ad un’autenticazione forte a due fattori (password e PIN “dinamico”, ossia che cambia sempre ad ogni accesso), ed è lo stesso già implementato in fase di autenticazione ai servizi “Dichiarazione precompilata” e “Fatture e Corrispettivi”.

Come registrarsi

Per ottenere SPID basta aver compiuto 18 anni ed avere:

  • un documento di riconoscimento
  • la tessera sanitaria con codice fiscale
  • un indirizzo e-mail valido
  • un numero di telefono

Occorre registrarsi, a scelta, sul sito di uno degli 8 gestori di identità digitale (Aruba, Infocert, Poste, Sielte, Tim, Register.it, Namirial, Intesa), seguendo i vari step per l’identificazione.

Gli Identity Provider non possono utilizzare i dati personali dell’utente né cederli a terze parti senza autorizzazione da parte dell’utente stesso. Al momento della registrazione, infatti, dovranno essere esplicitamente distinti i dati necessari all’ottenimento dell’identità digitale Spid dalle ulteriori informazioni – non obbligatorie – che il gestore di identità potrà eventualmente richiedere.

Tutte le modalità di registrazione e tutte le possibilità per poter ottenere Spid sono disponibili sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale – spid

 

Clicca qui per scaricare il Provvedimento n. 75242 dell’Agenzia delle Entrate

Clicca qui per scaricare FacTus-PA, il software per la Fatturazione elettronica PA

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *