Comunicazione telematica Enea 2018: da quando si calcolano i 90 giorni?

Comunicazione telematica Enea 2018: c’è tempo fino a fine giugno anche per i lavori finiti prima del 30 marzo. Ecco i chiarimenti

L’Enea fornisce importanti informazioni in merito alla comunicazione dei dati per accedere all’ecobonus 2018 (detrazione fiscale 50%, 65%, 70%, 75%, 80%, 85%).

La regola generale prevede che la comunicazione telematica si effettuata entro 90 giorni solari dal termine dei lavori sia trasmessa all’Enea la dichiarazione telematica tramite l’applicativo relativo all’anno in cui sono terminati.

Dal 30 marzo 2018 è operativo il nuovo portale Enea 2018 per le nuove comunicazioni.

In ragione di ciò, L’Enea avvisa che per gli interventi la cui data di fine lavori (collaudo) è antecedente il 30 marzo 2018, considerando che l’indisponibilità del sito costituisce causa di forza maggiore, il termine di 90 giorni per la trasmissione dei dati previsti decorre dal 30 marzo 2018.

In definitiva, per i lavori terminati dopo il 30 marzo, i 90 giorni si calcolano dalla fine dei lavori (collaudo); per i lavori terminati (colaudati) prima del 30 marzo, i 90 giorni si calcolano comunque sempre a partire dal 30 marzo.

L’Enea ricorda, inoltre, limitatamente alla trasmissione dei dati per gli interventi di ristrutturazione edilizia che accedono al bonus casa – detrazioni 50% (da non confondere con l’ecobonus) terminati nel 2018 che comportano riduzione dei consumi energetici – che è in attesa di specifiche indicazioni da parte delle istituzioni di riferimento e invita gli utenti a non trasmettere ad Enea dati e/o documenti fino all’apertura dell’apposito nuovo sito.

Interventi ammessi all’ecobonus

La Legge di Bilancio 2018 ha prorogato la possibilità di usufruire delle detrazioni per riqualificazione energetica, ma alcune regole sono cambiate.

Riassumiamo brevemente gli interventi ammessi e la quota di detraibilità nella seguente tabella.

INTERVENTI AMMESSI

ALIQUOTA DETRAIBILE

Serramenti e infissi

50%

Schermature solari
Caldaie Biomassa
Caldaie a condensazione classe A
Caldaie a condensazione classe A+ (con sistema di termoregolazione evoluto)

65%

Pompe di calore
Scaldaccqua a PDC
Coibentazione involucro
Collettori solari
Generatori ibridi
Sistemi di Building Automation
Microgeneratori
Interventi condominiali (superficie >25%) 70%
Interventi condominiali (superficie >25% + qualità media) 75%
Interventi condominiali combinati efficientamento energetico + riduzione 1 classe rischio sismico 80%
Interventi condominiali combinati efficientamento energetico + riduzione 2 classi rischio sismico 85%

 

Clicca qui per accedere al portale Enea 2018

Clicca qui per scaricare TerMus, il software ACCA per la certificazione energetica

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *