Commissione VIA – VAS, il Ministero ridefinisce i componenti

Il Ministero dell’Ambiente con un decreto ridefinisce la commissione VIA – VAS ed i suoi componenti

Il Ministro dell’Ambiente firma un decreto che ridefinisce i criteri e le procedure di selezione dei componenti della commissione VIA – VAS.

Secondo il Ministro Costa:

La trasparenza e la qualità professionale finalmente al centro della nostra missione istituzionale. La commissione Via-Vas sarà presto sinonimo di trasparenza e qualità professionale e un simbolo di garanzia e fiducia per la salute dei cittadini e del nostro patrimonio ambientale

La commissione si occupa dell’istruttoria tecnica dei progetti di VIA e VAS statale in cui fino ad oggi aveva visto prevalere il criterio della discrezionalità nella scelta dei componenti.

Con l’atto emanato dal Ministro Costa si sceglie una nuova strada che dà preferenza a una selezione pubblica incentrata sui criteri di professionalità ed esperienza dei candidati al fine di rendere operativa una commissione tecnica il più possibile autorevole e competente ad istruire i procedimenti ambientali al centro dell’attività del Ministero dell’Ambiente.

Nel dettaglio, il decreto individua specifici profili per la composizione della commissione, che sarà così composta:

  • 25 esperti in ambito ambientale
  • 4 in ambito economico
  • 8 in ambito giuridico
  • 3 nell’ambito della salute

per un totale di 40 membri selezionati.

La procedura di selezione prevede che ciascun candidato/esperto potrà proporre la propria candidatura inviando al Ministero la propria manifestazione d’interesse con allegato il proprio quadro di esperienze di studio e professionali.

I curricula pervenuti saranno vagliati da uno specifico comitato istruttorio, formato da cinque personalità accademiche, che esaminerà in maniera oggettiva le competenze professionali degli interessati, così come desumibili dai documenti presentati, potendo richiedere loro delucidazioni e chiarimenti.

Sulla base dell’attività istruttoria del comitato, il Ministro provvederà a nominare la commissione tramite apposito decreto.

Infine, il dm appena firmato amplia i casi di inconferibilità dell’incarico di commissario, includendo anche le condanne o i rinvii a giudizio per delitti contro gli animali.

 

Clicca qui per conoscere Itacus il software per la certificazione ambientale

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *