Dal CEN tre nuovi standard per il BIM (Building information Modeling)

Il Comitato Europeo per la Standardizzazione (CEN) ha appena adottato 3 standard internazionali per il building information

Recentemente sono state introdotte nuove norme tecniche internazionali che hanno lo scopo di costruire un settore delle costruzioni più competitivo e sostenibile.

Stiamo parlando delle seguenti norme:

  • UNI EN ISO 16739:2016 Industry Foundation Classes (IFC) per la condivisione dei dati nel settore delle costruzioni e degli impianti (ISO 16739:2013)
  • UNI EN ISO 12006-3:2016 Costruzione di edifici – Organizzazione di informazione riguardo lavori di costruzione – Parte 3: Schema per l’informazione orientata ad oggetti (ISO 12006-3:2007)
  •  UNI EN ISO 29481-2:2016 Modelli di Building information – Manuale di distribuzione delle informazioni – Parte 2: Schema di interazione (ISO 29481-2:2012)

ISO 16739, 12006 e 29481: che cosa riguardano queste norme?

Questi standard affrontano il processo necessario per strutturare le informazioni relative ai manufatti edilizi in forma elettronica o digitale, utilizzando il Building Information Modeling (BIM).

BIM si riferisce all’uso di una rappresentazione digitale condivisa di oggetti da costruzione per facilitare i processi di costruzione e uso, relativi a edifici e infrastrutture. La tecnologia BIM semplifica la progettazione, la costruzione e la gestione dei processi in modo da formare una base più affidabile per le decisioni.

ISO 16739, 12006 e 29481: cosa c’è di significativo?

Mentre l’uso di norme non è obbligatorio (se non specificato diversamente da norme), è importante notare che una volta che il CEN adotta uno standard a livello europeo, agli Stati membri è precluso sviluppare o mantenere proprie norme nazionali distinte o in conflitto.

In che modo queste norme riguardano i professionisti della costruzione?

Le norme citate sono di natura tecnica e sono principalmente scritte per gli sviluppatori di software nei settori di progettazione, costruzione, negli impianti e della gestione dell’edificio e si occupano di questioni relative a preparare gli schemi dei dati, dizionari dei dati e metodologie di distribuzione e condivisione dei dati.

Tuttavia, anche i professionisti che lavorano in questi settori, che sono coinvolti nella produzione, gestione, scambio e l’utilizzo delle informazioni digitale dell’edificio, dovrebbero essere a conoscenza delle norme e dovrebbero anche confermare che il software che usano è conforme a questi standard (vale a dire in grado di importare e esportare i dati secondo questi standard).

UNI EN ISO 16739, 12006 e 29481

Dal 1 dicembre è in vigore la UNI EN ISO 12006-3:2016, in materia di edilizia, che definisce l’Organizzazione dell’informazione delle costruzioni.

La parte 3 si occupa della “Struttura per le informazioni orientate agli oggetti” e la UNI EN ISO 16739:2016 Industry Foundation Classes (IFC) per la condivisione dei dati nell’industria delle costruzioni e del facility management.
La norma UNI EN ISO 12006-3:2016 recepisce lo standard ISO 12006-3:2007.

La UNI EN ISO 12006-3:2016 specifica un modello di informazione indipendente dal linguaggio che può essere impiegato per lo sviluppo di dizionari impiegati per memorizzare o fornire informazioni riferite a lavori di costruzione.

Consente sistemi di classificazione, modelli di informazione, modelli di oggetti e di processi a cui fare riferimento all’interno di un quadro comune.

Sempre dal 1 dicembre è in vigore anche la UNI EN ISO 16739:2016 Industry Foundation Classes (IFC) per la condivisione dei dati nell’industria delle costruzioni e del facility management.

La norma recepisce lo standard ISO 16739:2013, che specifica uno schema di dati concettuale ed un formato di scambio file per i dati di un modello informativo di edificio (BIM).

La ISO 16739:2013 rappresenta uno standard internazionale aperto per i dati BIM che sono scambiati e condivisi tra applicazioni software utilizzate dai diversi partecipanti in un progetto di costruzione o di facility management.

Lo standard è costituito dallo schema dei dati, rappresentato come una schema di specifica EXPRESS e dai dati di riferimento, rappresentati come proprietà, nomi delle quantità e descrizioni.

Spiega UNI che lo “schema concettuale” è definito nel linguaggio di specifica dei dati EXPRESS. Il formato di riferimento di scambio file, per lo scambio e la condivisione dei dati in conformità allo schema concettuale, utilizza la codifica di testo Clear della struttura di scambio. Formati di file alternativi possono essere utilizzati se conformi allo schema concettuale.

 

Clicca qui per scoprire tutti i dettagli su Edificius, il software BIM di ACCA

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *