Codice dei Contratti: in arrivo le prime (blande) modifiche

La bozza del provvedimento correttivo del Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs. 163/2006), approvato in prima lettura dal Consiglio dei Ministri, ha ricevuto il parere favorevole delle competenti commissioni di Camera e del Senato.

La bozza del provvedimento correttivo del Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs. 163/2006), approvato in prima lettura dal Consiglio dei Ministri, ha ricevuto il parere favorevole delle competenti commissioni di Camera e del Senato.
Entrambi gli organi parlamentari, dopo aver preso atto del fatto che non ci sono i tempi per proposte di interventi più incisivi, hanno dato parere favorevole al provvedimento che, in concreto, contiene solo piccole correzioni e rettifiche.
La commissione Lavori pubblici del Senato, si è occupata principalmente della pubblicità dei bandi richiedendo, tra l’altro, la soppressione della possibilità che la pubblicazione su Internet sostituisca quella cartacea.
La commissione Ambiente della Camera, invece, ha fortemente richiesto di cominciare a lavorare da subito a un secondo provvedimento che rechi «ulteriori e più complessivi interventi di riordino».
Ricordiamo che il D. Lgs. 163/2006 (Codice degli appalti) era entrato in vigore INTEGRALMENTE il 1° luglio 2006 e che il successivo 11 luglio il Parlamento ha approvato la L. 228/2006 (in vigore dal 12/07/2006) con cui sono state rinviate al 1º febbraio 2007 alcune disposizioni (tra le più innovative) del D.Lgs. 163/2006.

DocumentoDimensioneFormato
Bozza di modifica al Codice dei Contratti approvata dalle Commissioni di Camera e Senato317 KbPDF
Codice degli Appalti – TESTO DEFINITIVO PUBBLICATO IN G.U.1,18 MbPDF
Codice degli Appalti – ALLEGATI – Parte I2,02 MbPDF
Codice degli Appalti – ALLEGATI – Parte II2,34 MbPDF
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *