Bando ISI 2017: il 14 giugno il “click day”

Al via la seconda fase del bando ISI 2017: dal 7 giugno il download del codice identificativo; dalle 16.00 alle 16.30 del 14 giugno 2018 l’invio delle domande

Parte da oggi la seconda fase per l’accesso alle agevolazioni del bando ISI 2017: le imprese che hanno raggiunto la soglia minima di ammissibilità possono effettuare il download del codice che le identificherà in occasione del “click day del 14 giugno.

ll bando ISI 2017 mette a disposizione 249.406.358 euro suddivisi in 5 assi di finanziamento, in funzione dei destinatari. Si tratta di finanziamenti a fondo perduto, assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.

Il contributo, erogato in conto capitale, ha l’obiettivo di:

  • incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori
  • di incentivare le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative

A partire dalle ore 15.00 del 7 giugno 2018, le imprese che hanno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista, e salvato definitivamente la propria domanda, possono accedere nuovamente alla procedura informatica per effettuare il download del proprio codice identificativo.

Il codice sarà poi utilizzato per l’inoltro telematico delle domande che avverrà dalle ore 16.00 alle ore 16.30 del 14 giugno 2018.

In allegato l’avviso pubblico ISI 2017 in cui sono specificati i parametri e gli importi minimi e massimi finanziabili.

 

Clicca qui per conoscere CerTus-AMIANTO, il software per redigere il Piano di Lavoro Amianto

Clicca qui per scaricare il bando ISI 2017

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *