Antincendio impianti climatizzazione, i chiarimenti dei VVF

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Focus sulle novità del dm 10 marzo 2020: impiego di fluidi classificati A1 o A2L ed installazione a regola d’arte; i contenuti della documentazione tecnica

Con la circolare n. 9833 del 22 luglio 2020, i Vigili del Fuoco forniscono utili chiarimenti circa le disposizioni di prevenzione incendi per gli impianti di climatizzazione inseriti nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi.

Circolare n. 9833/2020

La circolare dei VVF evidenzia, in particolare, quelle che sono le novità introdotte dal dm 10 marzo 2020 in vigore dal 18 giugno scorso.

Il provvedimento, ricordiamo, aggiorna le disposizioni tecniche riguardanti gli impianti di climatizzazione e condizionamento previste nelle regole tecniche di prevenzione incendi; in particolare quelle che consentono, per le macchine e apparecchiature facenti parte degli impianti di climatizzazione e condizionamento inserite nelle attività regolamentate dalle regole tecniche, la sola possibilità di impiego di fluidi refrigeranti non infiammabili o non infiammabili e non tossici.

Novità del dm 10 marzo 2020

Ai fini dell’applicazione delle disposizioni tecniche di prevenzione incendi negli impianti di climatizzazione e condizionamento, le novità del dm 10 marzo 2020 sono le seguenti:

  • laddove è prescritto l’utilizzo di fluidi frigorigeni non infiammabili o non infiammabili e non tossici, è ammesso anche l’impiego di fluidi classificati A1 o A2L;
  • la progettazione, l’installazione, l’esercizio e la manutenzione degli impianti deve essere svolta a regola dell’arte;
  • gli impianti di climatizzazione e condizionamento sono considerati impianti rilevanti ai fini della sicurezza antincendi.

Pertanto, la circolare in esame chiarisce che, ai sensi del dm 10 marzo 2020 è possibile:

  • l’impiego di fluidi classificati Al o A2L;
  • installazione sempre nel rispetto dei requisiti di sicurezza previsti dalla regola dell’arte, di unità interne contenenti anche questi fluidi.

Documentazione tecnica

Sempre alla luce del decreto 10 marzo 2020, nella circolare viene ribadito cosa deve contenere la documentazione tecnica relativa nei procedimenti di prevenzione incendi per le nuove attività e per quelle esistenti.

Per le nuove attività la documentazione tecnica deve comprendere:

  • in caso di valutazione del progetto ai fini del rilascio del parere di conformità antincendio, la “specifica dell’impianto”, con indicazione del fluido utilizzato e delle caratteristiche di installazione delle macchine, dimostrando il soddisfacimento dei requisiti di sicurezza dell ‘installazione tecnica in conformità alla regola dell’arte applicabile;
  • in caso di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), la documentazione prevista al punto 3.2 dell’Allegato II del decreto 7 agosto 2012 (dichiarazione di conformità) comprensiva del manuale di uso e manutenzione da inserire nel fascicolo antincendio dell’attività.

Per le attività esistenti, invece:

  • se l’eventuale riconversione degli impianti con fluidi A1 è considerata modifica non rilevante ai fini della sicurezza antincendio, alla documentazione del rinnovo dovrà essere allegata:
    • la dichiarazione di conformità dell’impianto riconvertito
    • il manuale di uso e manutenzione deve essere disponibile presso la sede dell’attività stessa
  • se l’eventuale riconversione degli impianti con fluidi A2L è considerata, invece, una modifica rilevante ai fini della sicurezza antincendio e, nel caso in cui non comporti un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza, alla documentazione della SCIA dovrà essere allegata:
    • la dichiarazione di non aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza a firma di tecnico abilitato
    • la dichiarazione di conformità dell’impianto riconvertito
    • il manuale di uso e manutenzione dell’impianto dovrà essere reso disponibile presso l’attività.

 

Clicca qui per scaricare la circolare n. 9833/2020

 

antifuocus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *