Correttivo appalti: l’analisi dei 9 interventi più rilevanti secondo il CNI

Ingegneri favorevoli al correttivo appalti: ecco l’analisi delle 9 modifiche più rilevanti apportate al dlgs n. 50/2016 nella circolare del CNI

Il decreto correttivo al Codice appalti, dlgs 19 aprile 2017, n. 56 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.103 del 5 maggio 2017) ha apportato un numero considerevole di modifiche a diversi articoli del dlgs n. 50/2016.

A seguito delle suddette modifiche il CNI(Consiglio Nazionale degli Ingegneri) ha pubblicato la circolare n.71 del 25 maggio 2017 con cui esprime la propria soddisfazione.

Nel documento vengono analizzati 9 interventi di particolare interesse per l’attività professionale:

  1. Obbligatorietà nell’applicazione del decreto parametri
  2. Introduzione dei commi 8-bis e ter all’art.24 del Codice, relativamente al pagamento dei corrispettivi
  3. Progettazione interna ed esterna alle Stazioni Appaltanti
  4. Contratti sotto soglia
  5. Ruolo del RUP negli appalti e nelle concessioni
  6. Semplificazione dei requisiti di partecipazione alle gare – polizza assicurativa
  7. Appalto integrato e scelta delle procedure
  8. Costi manodopera e sicurezza
  9. Concorsi di idee e progettazione

Obbligatorietà nell’applicazione del decreto parametri

Le modifiche (art.14 comma 1 del dlgs 56/2017) sanciscono l’obbligatorietà dell’uso del cosiddetto Decreto Parametri del 17 giugno 2016 per la determinazione dei corrispettivi da porre a base di gara negli appalti per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura.

Il Correttivo conferma quanto già anticipato dall’Anac nelle linee guida per i servizi di ingegneria e architettura.

Introduzione dei commi 8-bis e ter all’art.24 del Codice (pagamento dei corrispettivi)

Le integrazioni (art.24 commi 8 bis e ter del dlgs. 56/2017) escludono la possibilità di subordinare il pagamento del corrispettivo al finanziamento dell’opera, o di prevedere per lo stesso forme di sponsorizzazione o rimborso.

Nel rispetto del decreto parametri, viene imposto di riportare in convenzione le modalità di pagamento dei corrispettivi.

Progettazioni interna ed esterna alle Stazioni Appaltanti

In merito all’eliminazione della priorità di affidamento dei servizi tecnici all’interno della stazione appaltante, resta valido quanto previsto dall’art. 24 del Codice.

Le pubbliche amministrazioni potranno decidere, indifferentemente, di rivolgersi all’interno o all’esterno delle stesse per l’affidamento dei servizi attinenti l’ingegneria e l’architettura.

Con tale disposizione si è già determinato un notevole incremento del mercato dei S.I.A. rispetto al periodo precedente l’entrata in vigore del dlgs 50/2016.

Contratti sotto soglia

Viene escluso (art. 25 del Correttivo all’art. 36 del Codice) l’obbligo di acquisizione di due o più preventivi per l’affidamento di appalti che ricadono sotto la soglia di 40 mila euro. In tal senso le Stazioni appaltanti possono ricorrere più facilmente all’affidamento diretto.

Per il CNI, tale modifica comporterà una riduzione del ricorso alla procedura del massimo ribasso e dei ribassi ad essa collegati, oltre una semplificazione delle procedure amministrative.

Il ruolo del RUP negli appalti e nelle concessioni

compiti ed i requisiti del RUP (responsabile unico del procedimento) sono gli stessi di quelli previsti dall’art. 10 del dlgs 163/2006 e dagli art.9 e 10 del dpr 207/2010.

Le novità sono le seguenti:

  • rafforzamento delle funzioni di organizzazione, gestione e controllo della stazione appaltante
  • migliore qualità e riduzione dei tempi di realizzazione dei lavori
  • nomina del RUP nel primo atto relativo ad ogni singolo intervento con atto formale del responsabile dell’unità organizzativa

Semplificazione dei requisiti di partecipazione alle gare – polizza assicurativa

Vengono ridotto di circa la metà i requisiti economico-finanziari e tecnico-organizzativi per partecipare alle gare per l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura, favorendo un’apertura al mercato dei giovani professionisti e agli operatori di piccole-medie dimensioni.

Appalto integrato: scelta delle procedure

L’art. 24 del Correttivo modifica l’art.59 comma 1 del Codice in materia di scelta delle procedure, attenuando il divieto di ricorrere all’affidamento congiunto di progettazione e ed esecuzione dei lavori.

Si prevede che nella più ampia definizione del partenariato pubblico-privato rientri anche la locazione finanziaria, e che il divieto di appalto integrato non si estenda anche alle opere i cui progetti definitivi sono stati approvati alla data di entrata in vigore del Codice (18 aprile 2016) e i cui bandi di gara siano pubblicati entro un anno dall’emanazione del Correttivo (20 maggio 2018).

Resta esclusa la possibilità di affidare i lavori sulla base di progetto preliminare.

Costi di manodopera e sicurezza

L’intervento ribadisce l‘obbligo di scorporare i costi della sicurezza dal costo dell’importo assoggettato al ribasso d’asta.

Concorsi di idee e progettazione

Viene ridotto il numero di elaborati necessari per partecipare ad un concorso, attribuendo al solo vincitore (e non a tutti i partecipanti) l’onere di raggiungere il livello di progetto di fattibilità tecnica ed economica entro 60 gg. dalla proclamazione (art.152 comma 4 del Codice).

Criticità che il CNI si impegna ad affrontare nei prossimi mesi

Il CNI si impegna di affrontare nei prossimi mesi alcune criticità sollevate, ma non considerate, tra le quali:

  • l’esclusione della possibilità di impiego dell’accordo quadro (art.54) per assegnare i SIA
  • la non condivisione del rilancio dell’utilizzo dell’appalto integrato per le opere i cui progetti sono stati validati prima del 18 aprile 2016
  • la previsione in capo ai professionisti dell’obbligo di iscrizione, da parte dei dipendenti delle amministrazioni abilitati all’esercizio della professione, al relativo albo professionale
  • la possibilità di affidare direttamente la progettazione definitiva ed esecutiva al vincitore del concorso di progettazione
  • mancata previsione di un fondo di rotazione per la progettazione

 

Clicca qui per scaricare la circolare del CNI

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *