Ecobonus e sismabonus: chiarite le regole per la cessione del credito d’imposta

Dalle Entrate: stesse modalità di cessione del credito per sismabonus e ecobonus. Le detrazioni possono essere cedute a Consorzi, Rete di imprese e subappaltatori “collegati”


La cessione del credito per il sismabonus avviene con le stesse modalità definite per l’ecobonus; tra le novità, la possibilità di cedere il credito nell’ambito di un Consorzio o una Rete di imprese a eventuali subappaltatori nonché a soggetti che rientrano nello stesso contratto di appalto, anche se non hanno eseguito lavori che danno diritto a detrazioni cedibili.

Ecco in sintesi le novità riportate nella circolare n. 17/E del 23 luglio 2018, con cui l’Agenzia delle Entrate ha risposto ai dubbi sollevati dagli operatori, dopo l’emanazione della precedente circolare n. 11/E del 18 maggio 2018.

Circolare n. 11/E del 18 maggio 2018

Con la circolare n. 11/E del 2018, le Entrate avevano già fornito precisazioni in materia di cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di efficienza energetica, ecobonus.

In particolare, veniva chiarito che, nel caso di interventi condominiali, la cessione del credito:

  • deve intendersi limitata ad una sola eventuale cessione successiva a quella originaria;
  • per altri soggetti privati devono intendersi i soggetti diversi dai fornitori, purché collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione (ad esclusione degli istituti di credito e degli intermediari finanziari).

Inoltre, la stessa stabiliva che la detrazione può essere trasferita, in caso di lavori condominiali, ad altri beneficiari dell’agevolazione per gli stessi lavori e, più in generale, ad altre società del gruppo che ha effettuato gli interventi con esclusione degli istituti di credito e degli intermediari finanziari.

Circolare n. 17/E del 23 luglio 2018

Nuovi chiarimenti in relazione alla possibilità di cessione del credito d’imposta derivante dalla detrazione riconosciuta per l’effettuazione di interventi di efficienza energetica (ecobonus) e di interventi aventi ad oggetto l’adozione di misure antisismiche (sismabonus) arrivano con la circolare n. 17/E del 23 luglio 2018.

La circolare focalizza l’attenzione anche sulla cessione del credito relativo alle misure antisismiche realizzate in zone ad alto rischio sismico, in base a quanto previsto dagli articoli 14 e 16 del dl 63/2013.

In particolare, viene chiarito quanto segue:

  1. le due agevolazioni (ecobonus e sismabonus) seguono la stessa ratio, la stessa formulazione normativa: le limitazioni previste dalla circolare 11/2018, a proposito di cessionari e numero di trasferimenti del diritto alla detrazione in caso di ecobonus, possono ritenersi valide anche per le detrazioni riguardanti il sismabonus
  2. se la ditta che effettua i lavori rientra in un Consorzio o in una Rete di imprese, la detrazione ecobonus e sismabonus può essere ceduta ai soggetti che ne fanno parte, anche se non hanno eseguito i lavori, oppure direttamente al Consorzio o alla Rete. No alla cessione, invece, nei confronti degli istituti di credito, degli intermediari finanziari e delle società finanziarie anche se appartenenti al Consorzio o della Rete
  3. il credito può essere ceduto anche al subappaltatore che ha eseguito l’opera per conto del fornitore così come al soggetto che ha fornito i materiali necessari, in quanto soggetti che presentano un collegamento con il rapporto che ha fatto scattare il diritto alla detrazione
  4. via libera alla cessione anche a favore a favore dei soggetti che hanno eseguito lavori che non danno diritto a detrazioni cedibili, a condizione che si tratti di interventi rientranti nello stesso contratto di appalto o fornitura
  5. per evitare la cedibilità illimitata dei crediti d’imposta, il collegamento con il rapporto da cui deriva il diritto alla detrazione deve essere valutato con riferimento sia alla cessione originaria sia a quella successiva.

 

Clicca qui per conoscere EdiLus-CRS, il software per la classificazione sismica degli edifici

Clicca qui per scaricare la circolare 23 luglio 2018

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *