Ristrutturazioni in condominio: basta il bonifico parlante

Ristrutturazioni in condominio: i dati dell’impresa che ha eseguito i lavori non vanno indicati se gli importi sono già assoggettati a ritenuta dalla banca

Il bonifico parlante esonera l’amministratore dagli adempimenti dichiarativi sugli interventi di ristrutturazione in condominio in quanto la banca già opera la ritenuta alla fonte: non è necessario compilare il quadro K del modello 730.

Questo il chiarimento dell’Agenzia delle Entrate, risoluzione 67/E del 20 settembre 2018, in merito ad un quesito posto circa gli interventi di recupero del patrimonio edilizio su parti comuni di edifici condominiali e la relativa comunicazione che gli amministratori sono tenuti a fare.

I dati da comunicare

Gli amministratori di condominio devono comunicare annualmente all’anagrafe tributaria i beni e servizi acquistati da ciascun condominio che essi gestiscono, in base a quanto disposto dall’art. 7, comma 9 del dpr 605/1973.

Successivamente il dm 12 novembre 1998 “Comunicazioni degli amministratori di condominio all’anagrafe tributaria“, di attuazione al dpr 605/1973, ha stabilito:

  • quali sono i dati identificativi delle parti (incluso codice fiscale o partita Iva delle ditte cedenti o prestatrici), nonché l’importo complessivo delle operazioni effettuate nell’anno solare
  • alcuni esoneri, riguardanti operazioni già comunicate all’anagrafe tributaria, tra le quali le informazioni relative alle forniture di acqua, luce e gas, le operazioni che hanno comportato il pagamento di compensi soggetti a ritenute alla fonte (per esempio consulenze professionali ecc.), nonché gli acquisti inferiori ai 258 euro annui per singolo fornitore.

A fronte di lavori di ristrutturazione gli amministratori devono compilare l’apposito quadro (rispettivamente il quadro AC e il quadro K) composto da tre sezioni per la comunicazione:

  • la sezione I contiene i dati necessari all’identificazione del condominio
  • la sezione II contiene i dati catastali dell’edificio condominiale oggetto degli interventi di recupero del patrimonio edilizio
  • la sezione III contiene le informazioni relative ai fornitori e agli acquisti di beni e servizi

Tuttavia, come stabilito dall’art. 1, comma 2 del dm 12 novembre 1998, non devono essere comunicati dall’amministratore del condominio:

  • i dati relativi alle forniture di acqua, energia elettrica e gas
  • i dati degli acquisti, qualora il loro importo complessivo nell’anno solare non sia superiore a 258 euro
  • i dati relativi ai servizi che hanno comportato il pagamento di compensi soggetti a ritenute alla fonte

Quesito

Al riguardo, alcuni operatori hanno chiesto la possibilità di esonero dalla compilazione della sezione III del quadro AC (“AC- Comunicazione degli amministratori di condominio”) nel caso in cui le banche hanno operato una ritenuta sulle somme pagate dal condominio all’impresa che ha effettuato i lavori; in particolare se:

i lavori di ristrutturazione sulle parti comuni dei condomini, agevolabili ai fini Irpef in capo a ciascun condomino, sono soggetti al bonifico parlante. Pertanto l’esonero può essere esteso anche a tali operazioni?

La risposta delle Entrate

Le Entrate chiariscono che gli amministratori di condominio sono esonerati dal compilare la sezione III del quadro AC del modello Redditi e del quadro K del modello 730, contenente i dati relativi ai fornitori e agli acquisti di beni e servizi, nel caso in cui sia stata operata dalle banche una ritenuta alla fonte sulle somme pagate dal condominio all’impresa che ha effettuato gli interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Inoltre, i dati contenuti nei bonifici relativi agli interventi di recupero del patrimonio edilizio su cui vengono applicate le ritenute d’acconto da parte degli intermediari sono, inoltre, già comunicati all’Amministrazione finanziaria tramite il flusso telematico “Bonifici per spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici”.

 

Clicca qui per conoscere FacTus, il software per la fatturazione elettronica

Clicca qui per scaricare la risoluzione 67/E del 20 settembre 2018

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *