Serralunga d’Alba (Cuneo), la Città del Barolo

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa / Salva PDF

Alla scoperta dei borghi d’Italia, in sommità di una collina si trova Serralunga d’Alba (CN), in Piemonte, dove è collocato uno tra i castelli trecenteschi più belli d’Italia

In Italia ci sono 7.978 Comuni, di cui ben il 70% conta meno di 5.000 abitanti; alcuni di questi sono poco conosciuti, ma proprio per questo ricchi di fascino.

Quale miglior occasione delle lunghe e spensierate serate estive per andare alla scoperta di un caratteristico e ricco di storia paesino italiano?

BibLus-net corre in vostro aiuto e quest’anno ha deciso di istituire un piccola rubrica, proponendo una carrellata di 30 meravigliosi borghi d’Italia.

Innanzitutto cos’è un borgo e perché viene definito tale?

Nei secoli passati la denominazione “borgo” era spesso riservata ai paesi di una certa importanza che possedevano un mercato ed una fortificazione. La presenza di queste strutture differenziava il borgo dal villaggio, dal paese e dalla borgata. Probabilmente in età longobarda il borgo, che sorge sempre al piano, alla confluenza di una o più valli, svolgeva una funzione amministrativa e giurisdizionale per tutta l’area afferente.

Il borgo che vi presentiamo oggi è Serralunga d’Alba, un piccolo comune italiano di 535 abitanti, della provincia di Cuneo, in Piemonte, i cui dati identificativi sono i seguenti:

  • coordinate: 44°37′N 8°00′E
  • altitudine: 414 m s.l.m.
  • superficie: 8,39 Km2
  • patrono: San Sebastiano
  • giorno festivo: 20 gennaio
  • specialità: vino Barolo

Serralunga d’Alba (CN) – Piemonte

Il centro di Serralunga, tipico borgo medievale, è quasi intatto.

Se avete voglia di bere un ottimo bicchiere di Barolo e vedere il castello, simbolo indelebile di questo paesaggio, allora non potrete non fare una gita a Serralunga d’Alba.

Il castello, collocato a sommità della collina a dominio del caratteristico borgo e delle sue famose vigne, è uno dei comprensori turistici più interessanti della regione ed è da molti oggi considerato uno degli esempi meglio conservati di castello nobiliare trecentesco del Piemonte.

La residenza fin dal 300 constava di diverse parti, tra cui in particolare il Palacium, blocco compatto e allungato costituito da vaste sale sovrapposte, una torre cilindrica, che presenta i caratteri più innovativi dell’architettura fortificata del 300, una torre quadrata ed una cappella, piccolo ambiente con volta a botte e affreschi databili alla metà del XV secolo.

[Fonti: Wikipedia , Skyscanner]

Di seguito proponiamo una galleria fotografica con le immagini più significative del posto:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *