Bonus mobili giovani coppie, come recuperare il 50% delle spese sostenute

Bonus mobili giovani coppie, tutto quello che occorre sapere per recuperare le spese nella nuova guida dell’Agenzia delle Entrate

Bonus mobili giovani coppie, cos’è

Le giovani coppie che nel 2015 hanno acquistato l’abitazione principale o che lo faranno entro il 31 dicembre 2016 possono usufruire del bonus mobili.

L’agevolazione consiste in una detrazione dall’Irpef del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili nuovi destinati ad arredare l’abitazione acquistata.

I mobili devono essere acquistati nell’anno 2016.

Bonus mobili giovani coppie, a chi spetta

Il bonus mobili per le giovani coppie è riservato:

  • alle coppie che nel 2016 risultano coniugate
  • alle coppie conviventi more uxorio (come se fossero sposate) da almeno tre anni

Inoltre, è necessario che almeno uno dei componenti della coppia non abbia ancora i 35 anni di età.

Il requisito dell’età si intende rispettato da coloro che compiono 35 anni nell’anno 2016, a prescindere dalla data di compleanno. Pertanto è sufficiente che almeno uno dei componenti sia nato non prima del 1981.

Inoltre, il requisito della convivenza (almeno 3 anni) deve risultare nell’anno 2016 ed essere attestato dall’iscrizione dei 2 componenti nello stesso stato di famiglia o mediante autocertificazione.

Bonus mobili giovani coppie e acquisto nuova casa

Per avere diritto al bonus mobili è indispensabile aver acquistato o acquistare, a titolo oneroso o gratuito, un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale della giovane coppia.

Ecco i requisiti:

  • la compravendita deve avvenire negli anni 2015 o 2016
  • l’immobile deve essere adibito ad abitazione principale di entrambi i componenti della giovane coppia
  • la destinazione di abitazione principale per entrambi deve mantenersi anche nell’anno 2016, per le compravendite avvenute nel 2015
  • la destinazione ad abitazione principale può avvenire entro il termine di presentazione del modello Unico Persone fisiche 2017 (dichiarazione dei redditi del 2016) per le abitazioni acquistate nel corso del 2016

Bonus mobili giovani coppie, acquisti agevolabili

La detrazione spetta per le spese sostenute dal 1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 per l’acquisto di mobili nuovi destinati ad arredare l’abitazione principale della giovane coppia. Non spetta, invece, per l’acquisto di grandi elettrodomestici. Rientrano nell’agevolazione, per esempio:

  • letti
  • armadi
  • cassettiere
  • librerie
  • scrivanie
  • tavoli
  • sedie
  • comodini
  • divani
  • poltrone
  • credenze
  • materassi
  • apparecchi di illuminazione

Bonus mobili giovani coppie, l’importo massimo dei lavori

La detrazione del 50% va calcolata su un importo massimo di 16.000 euro e va ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Questo importo va comunque riferito alla coppia. Quindi, se le spese sostenute sono superiori a 16.000 euro la detrazione deve essere calcolata su tale importo massimo e ripartita fra i componenti la coppia in base alla spesa che ciascuno di essi ha sostenuto.

Come ottenere il bonus

La detrazione per l’acquisto di mobili si ottiene indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta 2016, ossia il modello 730 oppure Unico persone fisiche da presentare nel 2017.

Come effettuare i pagamenti

Per usufruire del bonus mobili occorre pagare con bonifico oppure con mezzo elettronico tracciabile  (bancomat o carta credito). Non è consentito, invece, effettuare il pagamento con assegni bancari, contanti o altre modalità.

Se il pagamento è disposto con bonifico bancario o postale, non è necessario utilizzare quello (soggetto a ritenuta) appositamente predisposto da banche e Poste italiane S.p.A. per le spese di ristrutturazione edilizia.

Stesse modalità devono essere osservate per il pagamento delle spese di trasporto e montaggio dei beni.

 

In allegato proponiamo la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate aggiornata ad aprile 2016.

 

Clicca qui per scaricare la guida al bonus mobili

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *