Detrazioni Irpef condominio, slitta al 7 marzo l’invio dei dati

Detrazioni Irpef condominio, prorogato il termine per l’invio dei dati relativi alle spese sostenute da parte degli amministratori. Ecco come procedere

Le spese sostenute per la realizzazione di lavori sulle parti comuni di un condominio possono godere delle detrazioni Irpef, come per gli edifici di proprietà individuale.

Le detrazioni per i lavori eseguiti sulle parti comuni spettano a ciascun condomino in funzione della propria quota millesimale di proprietà; per accedere all’agevolazione è necessario indicare nella dichiarazione dei redditi dell’anno successivo i dati catastali dell’immobile interessato.

Ai sensi del decreto 1° dicembre 2016, a partire dal 2016 gli amministratori di condomìni che hanno usufruito di detrazioni fiscali devono inviare all’Agenzia delle Entrate una comunicazione con i dati relativi alle spese sostenute nell’anno precedente.

Il termine fissato per l’invio è il 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui le spese sono state sostenute.

Per venire incontro alle esigenze avanzate dagli amministratori, il termine concesso per l’invio è stato prorogato al 7 marzo 2017, solo per quest’anno.

Le modalità tecniche per la trasmissione telematica dei dati da utilizzare per l’elaborazione della dichiarazione precompilata sono stabilite dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate (circolare del 27 gennaio 2017).

Circolare del 27 gennaio 2017, i contenuti

Soggetti obbligati

I soggetti obbligati alla trasmissione della comunicazione sono gli amministratori di condominio in carica al 31 dicembre dell’anno di riferimento.

Nella comunicazione gli amministratori sono tenuti ad indicare:

  • le quote di spesa imputate ai singoli condomini
  • la tipologia di ogni intervento
  • l’importo complessivo di ogni intervento

Modalità di trasmissione

Gli amministratori o gli intermediari devono utilizzare il servizio telematico Entratel o Fisconline per la trasmissione telematica delle dichiarazioni, utilizzando i i software di controllo resi disponibili gratuitamente dall’Agenzia delle Entrate.

Tipologie di invio

L’invio della comunicazione può essere di 3 tipi:

  • ordinario: è la comunicazione con cui si inviano i dati richiesti
  • sostitutivo: è la comunicazione per la completa sostituzione di una comunicazione ordinaria o sostitutiva precedentemente inviata
  • di annullamento: è la comunicazione con cui si richiede l’annullamento di una comunicazione ordinaria o sostitutiva precedentemente trasmessa

Termini delle trasmissioni

Il termine per la trasmissione telematica delle comunicazioni è il 28 febbraio di ciascun anno con riferimento ai dati relativi all’anno precedente (prorogato al 7 marzo per l’anno 2017).

Ricevute

La trasmissione effettuata con esito positivo determinerà una ricevuta contenente il codice di autenticazione per il servizio Entratel o il codice di riscontro per il servizio Fisconline.

Nella ricevuta sono indicati:

  • data e ora di recezione del file
  • identificativo del file attribuito dall’utente
  • protocollo attribuito al file
  • numero delle comunicazioni contenute nel file

Le detrazioni fiscali per lavori condominiali, quali sono

Le detrazioni fiscali per interventi edilizi realizzati su parti comuni condominiali riguardano:

  • ristrutturazioni edilizie (50%)
  • risparmio energetico (65% o 75%)
  • adeguamento antisismico, sismabonus (fino all’85%)
  • acquisto mobili ed elettrodomestici, bonus mobili (50%)
  • acquisto di box auto di proprietà comune (50%)

La detrazione del 50% riguarda qualsiasi tipo di intervento realizzato sulle parti comuni, quali:

  • interventi di manutenzione straordinaria
  • ristrutturazione edilizia
  • risanamento conservativo e restauro
  • abbattimento delle barriere architettoniche
  • messa in sicurezza degli impianti
  • manutenzione ordinaria:
    • riparazione di balconi, parapetti, cornicioni, davanzali e grondaie
    • riparazione di garage e parcheggi
    • riparazione della caldaia
    • sostituzione dell’antenna comune con antenne private
    • riparazione e sostituzione di cancelli e portoni
    • riparazione delle pavimentazioni interne ed esterne
    • sostituzione di alcune tegole
    • ritinteggetura esterna

Gli interventi di risparmio energetico per lavori in condominio detraibili, detrazione 65%, sono:

  • interventi di riduzione del fabbisogno energetico globale dell’edificio per il riscaldamento
  • miglioramento termico dell’involucro edilizio (isolamento muri, coperture, pavimenti, sostituzione infissi, schermature solari)
  • installazione di pannelli solari termici
  • sostituzione di impianti termici invernali

Quando si effettuano lavori condominiali per i quali si usufruisce della detrazione 50%, ogni condomino ha diritto anche al bonus mobili per la propria quota di spesa. Tuttavia, non può usufruirne per acquistare arredi per il proprio appartamento.

I mobili e gli elettrodomestici devono arredare parti comuni, quali:

  • portineria
  • appartamento del portiere
  • lavanderie comuni
  • androne
  • cortile

 

Clicca qui per scaricare la circolare AE del 27 gennaio 2017

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *