Bonifica amianto: la detrazione spetta anche per le spese di trasposto

FiscoOggi chiarisce che gli interventi di bonifica amianto sono agevolabili indipendentemente dalla categoria edilizia in cui rientrano; la detrazione spetta anche per il trasporto in discarica

In caso di lavori di bonifica dall’amianto, sono detraibili le spese sostenute per il trasporto in discarica?

A seguito del quesito posto da un contribuente, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti (sulla rivista telematica FiscoOggi) circa la detrazione Irpef ed i lavori di bonifica amianto.

In particolare, ai sensi dell’art. 16-bis, comma 1, lettera l, del Tuir si ha che la detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio spetta anche per i lavori di bonifica dall’amianto; si legge infatti che:

Dall’imposta lorda si detrae un importo pari al 36 per cento delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unita’ immobiliare, sostenute ed effettivamente rimaste a carico dei contribuenti che possiedono o detengono, sulla base di un titolo idoneo, l’immobile sul quale sono effettuati gli interventi (tra cui):

  • di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte ad evitare gli infortuni domestici

In riferimento, agli interventi che danno diritto alla detrazione, ed in particolare ai lavori su singole unità immobiliari e su parti comuni finalizzati alla bonifica dall’amianto, la circolare n. 7/E del 27 aprile 2018 chiarisce, inoltre, che:

Gli interventi di bonifica costituiscono una categoria a parte che risulta agevolabile indipendentemente dalla categoria edilizia in cui gli interventi stessi rientrano. Ne consegue che la detrazione spetta a prescindere dalla realizzazione di un intervento di recupero del patrimonio edilizio e riguarda anche, ad esempio, il trasporto da parte di aziende specializzate dell’amianto in discarica.

 

Clicca qui per conoscere CerTus-AMIANTO, il software per la redazione del piano di lavoro amianto

Clicca qui per scaricare la circolare n. 7/E del 27 aprile 2018

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *