Bonifica da materiali contenenti amianto (terzo asse bando ISI 2017), le domande entro il 31 maggio

Dall’Inail 60 milioni di euro a fondo perduto per le imprese che presentano progetti per la bonifica da materiali contenenti amianto. Spese e interventi ammissibili

Con il bando Isi 2017 l’Inail mette a disposizione 249.406.358 euro suddivisi in 5 assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari; al terzo asse di finanziamento fanno riferimento i fondi per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

Si tratta di finanziamenti a fondo perduto che vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande.

Le imprese interessate ad accedere al contributo possono presentare la domanda entro il 31 maggio 2018.

Spese ammissibili

L’importo totale di ciascun intervento, che include sia le spese di progetto sia le spese tecniche e assimilabili, è finanziabile nella misura del 65%, al netto dell’Iva, purché sia compreso tra il contributo minimo erogabile di 5.000 euro e quello massimo di 130.000 euro.

In particolare, le spese tecniche e assimilabili sono finanziabili entro la percentuale massima del 10% rispetto ai costi di progetto, con un importo massimo complessivo di 10.000 euro.

Si tratta di voci di spesa che non fanno parte del progetto, ma necessarie ad esempio, per la redazione della perizia giurata (importo massimo pari a 1.200 euro), la produzione di progetti ed elaborati a firma di tecnici abilitati, ecc.

Tipologie di intervento

Gli interventi finanziabili sono esclusivamente quelli riguardanti la rimozione con successivo trasporto e smaltimento, anche previo trattamento in impianto autorizzato, in discarica autorizzata.

Sono quindi esclusi dal finanziamento gli interventi di rimozione non comprendenti lo smaltimento, quelli di incapsulamento o confinamento e, infine, il mero smaltimento di materiali contenenti amianto già rimossi.

Gli interventi dovranno essere affidati a ditte qualificate e iscritte all’Albo Nazionale Gestori Ambientali.

Le tipologie di intervento ammesse sono elencate nel bando (allegato 4), tra cui:

  • la rimozione dei materiali contenenti amianto sia dai mezzi di trasporto che da impianti e attrezzature (come cordami, coibentazioni, isolamenti di condotte di vapore, condotte di fumi)
  • la rimozione di coperture, cassoni, canne fumarie, comignoli, pareti e altre strutture in cemento amianto

A ciascuna tipologia d’intervento è attribuito un punteggio; qualora il progetto comprendesse più tipologie d’intervento, è necessario indicarle tutte nella domanda.

Parametri e punteggi

Nel bando (allegato 4) sono riportati i parametri che concorrono a determinare il punteggio complessivo del progetto presentato, ossia:

  • le caratteristiche aziendali
  • le caratteristiche dell’intervento

Per quanto riguarda le caratteristiche aziendali i parametri presi in considerazione sono:

  • il numero dei dipendenti e il fatturato, con l’assegnazione di un punteggio inversamente proporzionale alla dimensione dell’impresa
  • la lavorazione svolta
  • il bonus attribuito alle aziende attive in uno dei settori Ateco

Le domande

La prima fase della procedura si concluderà il 31 maggio: le imprese hanno tempo fino alle ore 18:00 di giovedì 31 maggio 2018 per inserire la propria domanda sul sito Inail, nella sezione servizi online.

Gli incentivi, ripartiti su base regionale, saranno poi assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande in occasione del click day dedicato all’inoltro online delle domande di ammissione al finanziamento, le cui date saranno comunicate a partire dal prossimo 7 giugno.

 

In allegato le FAQ e il bando ISI 2017 relativo ai progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (asse 3), in cui sono dettagliate:

  • le spese ammissibili a finanziamento che concorrono a formare l’importo totale del progetto
  • i parametri e i punteggi attribuiti ai progetti (tabella 1)
  • le tipologie di intervento ammissibili a finanziamento
  • la documentazione da inviare nelle fasi di conferma e completamento della domanda e di rendicontazione finale (tabella 2)

 

Clicca qui per conoscere CerTus-AMIANTO, il software per redigere il Piano di Lavoro Amianto

Clicca qui per scaricare il bando ISI 2017 – Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto

Clicca qui per accedere alle FAQ

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *