Bando PON edilizia scolastica, prorogati i termini per la presentazione domande

Bando PON per la sicurezza edilizia scolastica al Sud: la data di inizio slitta al 20 novembre e la scadenza al 22 gennaio. Chiarimenti pratici per la compilazione e la trasmissione delle proposte

Il Miur ha comunicato che sono cambiate le date per la presentazione delle proposte progettuali circa il bando PON per la messa in sicurezza e riqualificazione degli immobili pubblici adibiti ad uso scolastico.

  • la data iniziale del 28 settembre per le richieste di accreditamento, inoltrate attraverso la sezione del sistema informativo predisposta per l’accreditamento degli Enti locali, è stata posticipata al 20 novembre 2017
  • il termine ultimo per presentazione delle proposte progettuali è prorogato al 22 gennaio 2018 (rispetto al 28 settembre 2017)

Il bando è così ripartito tra le 5 Regioni:

  • Basilicata: 16,555 milioni di euro
  • Calabria: 53,655 milioni di euro
  • Campania: 101,815 milioni di euro
  • Puglia: 62,755 milioni di euro
  • Sicilia: 115,220 milioni di euro

Gli interventi di adeguamento sismico e alla normativa antincendio, per la messa in sicurezza e il conseguimento dell’agibilità statica nelle scuole ammissibili sono:

  • adeguamento e miglioramento sismico
  • adeguamento impiantistico e interventi di messa in sicurezza finalizzati all’ottenimento dell’agibilità degli edifici
  • bonifica dall’amianto e da altri agenti nocivi
  • accessibilità e superamento delle barriere architettoniche
  • efficientamento energetico e, in senso più ampio, miglioramento dell’eco-sostenibilità degli edifici
  • attrattività delle scuole, intesa come miglioramento della qualità ed ammodernamento degli spazi per la didattica e realizzazione di spazi funzionali per lo svolgimento di servizi accessori agli studenti

Avviso Miur

Il Miur ha, quindi, posticipato al 20 novembre (dalle ore 10.00) la data per le richieste di accreditamento e al 22 gennaio 2018 (ore 15.00) il termine ultimo per la presentazione dei progetti .

Vengono, inoltre, forniti una serie di chiarimenti pratici per la compilazione e la trasmissione delle proposte.

Gli interventi ammessi

Gli interventi di edilizia scolastica devono riguardare esclusivamente immobili pubblici adibiti ad uso scolastico statale.

Inoltre, non sono ammessi al finanziamento gli interventi di edilizia scolastica che hanno già beneficiato di altri finanziamenti pubblici a valere su programmazioni nazionali o regionali; né sono ammissibili le spese per incentivi relativi alla progettazione interna e le varianti in corso d’opera di nessuna tipologia, ad eccezione per i casi di calamità naturale.

Gli interventi di messa in sicurezza

Per gli interventi di messa in sicurezza, l’adeguamento sismico, soprattutto in caso di edifici collocati in zone a maggiore rischio sismico, è la tipologia da prediligere.

Gli interventi di miglioramento sismico e gli interventi locali saranno ammissibili solo in caso di impossibilità tecnica di realizzazione di interventi di adeguamento. Tale impossibilità deve essere motivata da una adeguata relazione tecnica, a cura del progettista, che andrà inserita sulla piattaforma in fase di candidatura.

Gli interventi di bonifica dall’amianto

Per gli interventi di bonifica dall’amianto è necessario inserire attestazione dell’ARPA regionale che certifichi la presenza di amianto nell’edificio oggetto d’intervento.

Candidatura delle proposte

Ciascun ente locale può presentare più candidature; tuttavia ciascuna candidatura deve essere riferita ad un’unica Istituzione scolastica, anche se può riguardare più plessi della stessa. Nel caso di interventi su più plessi afferenti alla stessa Istituzione scolastica, il totale finanziabile deve rispettare il massimale previsto dal bando.

Valutazione delle proposte

Se il progetto comprende più interventi con livelli di progettazione diversi (definitivo ed esecutivo), la valutazione e l’attribuzione del punteggio saranno effettuate secondo il livello di progettazione economicamente prevalente.

 

Clicca qui per scaricare l’avviso del Miur

Clicca qui per conoscere EdLus-EE, il software per la verifica e l’adeguamento sismico di edifici esistenti in c.a.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *