Associazioni sportive e sociali e D.Lgs 81/2008

La Regione Veneto, con il parere del 22 giugno, ha fornito alcuni chiarimenti sulle modalità di applicazione delle normative in tema di prevenzione della salute e sicurezza (D. Lgs 81/2008) per le associazioni sportive e le associazioni di promozione sociale.

La Regione Veneto, con il parere del 22 giugno, ha fornito alcuni chiarimenti sulle modalità di applicazione delle normative in tema di prevenzione della salute e sicurezza (D. Lgs 81/2008) per le associazioni sportive e le associazioni di promozione sociale.
Coloro che collaborano con tali associazioni a titolo gratuito o ricevono semplici rimborsi spese sono equiparati, secondo la Regione Veneto, ai volontari.

Tali soggetti dovranno:

  1. utilizzare attrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni di cui al titolo III
  2. munirsi di dispositivi di protezione individuale ed utilizzarli conformemente alle disposizioni di cui al titolo III
  3. ove svolgano la propria attività nell’ambito del l’organizzazione di un datore di lavoro, questi è tenuto ad adottare le misure utili ad eliminare e, ove ciò non sia possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze tra la prestazione del volontario e le altre attività svolte, nell’ambito della medesima organizzazione, dal personale dipendente
  4. Inoltre, il titolare dell’organizzazione (Presidente dell’Associazione) è tenuto a fornire loro dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti negli ambienti in cui il volontario è chiamato ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività

Per quel che concerne la sicurezza di quanti operano per conto dell’associazione in palestre o locali dati in concessione d’uso da un Ente pubblico (che non rientrano nella disponibilità giuridica dell’associazione), l’obbligo di garantire la sicurezza a carico delle associazioni viene assolto mediante l’impegno a rispettare le prescrizioni d’uso dell’Ente proprietario o del gestore che ne hanno valutato i rischi ed hanno approntato le misure di prevenutone volte alla gestione delle emergenze e degli incendi.

Clicca qui per scaricare il testo del parere della Regione Veneto

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *