Arrivano i fondi per il sostegno dei mutui e degli affitti. Dal Ministero la guida su come accedere alle agevolazioni

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato una nota esplicativa, che illustra i quattro fondi, la loro entità e i requisiti per accedervi.

Il nuovo Decreto di abolizione dell’IMU (Decreto Legge 102/2013) prevede, tra le altre cose, lo stanziamento di fondi finalizzati all’acquisto della prima casa, alla sospensione delle rate del mutuo già acceso e all’affitto per le persone più svantaggiate.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato una nota esplicativa, che illustra i quattro fondi, la loro entità e i requisiti per accedervi.

Fondo di solidarietà per sospensione dei mutui
Il Fondo sostiene i proprietari, titolari di “mutui prima casa” nel pagamento delle rate del mutuo, consentendo una sospensione nel pagamento delle rate.
Possono accedere i proprietari di immobili adibiti ad abitazione principale, in temporanea difficoltà, titolari di un mutuo non superiore a 250.000 euro e in possesso di indicatore ISEE non superiore a 30.000 euro.
L’accesso al fondo consente la sospensione del pagamento delle rate del mutuo per un periodo massimo di 18 mesi. Il Fondo sostiene i costi relativi agli interessi maturati sul debito residuo durante il periodo della sospensione. In pratica il Fondo ripagherà alla banca il tasso di interesse applicato al mutuo con esclusione della componente di “spread”.

Fondo per l’acquisto della prima casa per i lavoratori a tempo determinato
Il Fondo offre le garanzie necessarie per ottenere un mutuo per l’acquisto della prima casa. Lo Stato garantisce il 50% della quota capitale del mutuo che viene concesso. Possono fare richiesta per accesso al fondo le giovani coppie con età inferiore ai trentacinque anni titolari di un rapporto di lavoro a tempo determinato o tempo parziale.

Fondo di sostegno per l’accesso alle abitazioni in locazione
Il Fondo prevede l’erogazione di contributi a favore di famiglie che hanno un canone di locazione registrato che si trovano in difficoltà nel pagare l’affitto. Possono presentare la domanda tutti i cittadini in possesso dei requisiti minimi previsti dal Decreto Ministeriale 7 giugno 1999.

Fondo di garanzia a copertura del rischio di morosità di locatari altrimenti affidabili
E’ un Fondo di nuova istituzione finalizzato a garantire il rischio di morosità da parte di quei locatari, generalmente affidabili, che si trovano momentaneamente in difficoltà. Il Fondo ha la finalità di prevenire l’apertura di procedimenti di sfratto. L’accesso al fondo consentirà la sospensione temporanea del pagamento dei canoni di affitto. Il decreto ministeriale ripartirà le risorse disponibili fra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano.

Clicca qui per scaricare la guida del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *