Glossario edilizia

Arriva il glossario unico per l’edilizia: titolo abilitativo in funzione dell’intervento

Glossario unico per l’edilizia, il nuovo dlgs sulla semplificazione prevede l’individuazione del titolo abilitativo in funzione del tipo di intervento

Il Governo è al lavoro per l’approvazione definitiva, secondo quanto previsto dalla legge delega 124/2015, del decreto legislativo in materia di individuazione dei procedimenti oggetto di:

  • autorizzazioni edilizie
  • mera comunicazione di inizio lavori
  • Scia (segnalazione certificata di inizio attività)
  • silenzio-assenso
  • definizione dei titoli abilitativi applicabili in funzione della tipologia di attività edilizia
  • interventi in edilizia libera

In particolare, il Consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il “decreto Scia 2” (Consiglio dei Ministri n. 120 del 15 giugno 2016) recante attuazione della delega di cui all’articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124.

Glossario unico per l’edilizia

Al fine di garantire omogeneità di regime giuridico in tutto il territorio nazionale il decreto prevede l’emanazione entro 90 giorni dall’entrata in vigore di un decreto che definisca compiutamente un glossario unico per l’edilizia.

Fino all’adozione del glossario unico per l’edilizia, ciascun Comune dovrà pubblicare sul proprio sito un glossario che consenta l’immediata individuazione della caratteristica tipologia dell’intervento e del conseguente regime giuridico, indicando anche i documenti da presentare.

 

Restiamo in attesa di pubblicazione del decreto definitivo.

In allegato proponiamo il testo della bozza del “decreto Scia 2” approvato dal Consiglio dei Ministri n. 120.

 

Clicca qui per scaricare la bozza del “decreto Scia 2”

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

1 commento
  1. Antonio
    Antonio dice:

    E’ molto utile una nuova opportunità informativa sull’edilitecnica per un
    rinnovamento didattico. I vari settori tecnici e le Scuole devono collegarsi e collaborare.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *