È attivo in Italia Apple Pay: cos’è e come funziona

Il metodo di pagamento Apple Pay, nato nel 2014, è disponibile e attivo anche in Italia. Scopriamo con quali servizi bancari funziona e quali sono i primi esercizi partner

È attivo anche in Italia il servizio Apple Pay, il metodo di pagamento per dispositivi Apple che di anno in anno si sta diffondendo sempre di più.

Concept e storia

Il servizio Apple Pay venne annunciato nel Settembre 2014, contestualmente al lancio di iPhone 6 da Tim Cock. Il CEO di Apple descriveva il processo di pagamento con banda magnetica come superato e vulnerabile, anche per via dei numeri di serie visibili. Il servizio era stato studiato per far sì che una volta associata la carta al dispositivo questa si attivasse semplicemente avvicinando l’iPhone al terminale o POS dell’esercente tenendo il dito sul sensore Touch ID, il sensore di impronte digitali che abilita lo smartphone.

Il progetto era nato nel Gennaio 2013 da una collaborazione tra la casa di Cupertino e i colossi delle carte di credito American Express, Visa e MasterCard.

L’obiettivo che si voleva raggiungere era quello di trasferire informazioni personali attraverso la digitalizzazione di un semplice gesto.
Grazie a questa partnership, al lancio di iOS 8.1 e iPhone 6 il metodo di pagamento privo di carte è divenuto realtà, trasformando i dispositivi digitali in vere e proprie appendici personali.

Nel 2015 Apple Pay era disponibile in Regno Unito, Canada e Australia per poi attivarsi nel corso dei mesi successivi anche in altre nazioni in tutto il mondo.

L’Italia è la sedicesima nazione al mondo dove è disponibile il sistema.

Come Funziona Apple Pay

Apple Pay è molto semplice da usare e funziona con tutti i più recenti dispositivi Apple. Basta un semplice tocco per pagare con le carte di credito o di debito.

Il metodo di pagamento non condivide mai i dati delle carte, rendendo così molto più sicuri tutti i pagamenti con:

  • iPhone
  • Apple Watch
  • iPad
  • MacBook Pro con Touch Bar

A differenza di quel che accade con le carte di pagamento, basta solo avvicinare l’iPhone al POS tenendo il dito sul sensore Touch ID. In alternativa si può premere due volte il tasto laterale di Apple Watch mentre lo si avvicina al terminale.

Quando effettui un pagamento, Apple Pay usa un numero specifico del tuo dispositivo e un codice di transazione univoco. Quindi i dati della carta non vengono mai memorizzati sul dispositivo o sui server Apple, né condivisi con i commercianti durante l’operazione.

I partner di Apple Pay in Italia

Apple Pay può essere usato in qualsiasi esercizio commerciale che abbia un POS contactless associando le carte Maestro, MasterCard, Visa e VPay.

Le banche attualmente partner sono Boon, Carrefour Banca e Unicredit, ma altre saranno disponibili nel corso dell’anno.

I partner commerciali che hanno già pronta e attivi tutti i servizi necessari sono: Apple Store,  Auchan, Eurospin, H&M, Leroy Merlin, Eataly, Old Wild West, Simply Market, Esselunga, Carrefour, Lidl, Autogrill, La Rinascente, OVS, Sephora, Limoni, La Gardenia, Banzai/ePrice, Mondadori, Media World, Unieuro.

Di seguito un video pubblicitario UniCredit che mostra come effettuare un pagamento Apple Pay.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *