Stop ai video! Apple blocca gli smartphone ai concerti

Apple ha brevettato una particolare tecnologia che consente di bloccare gli smartphone: la tecnologia, dopo aver liberato i suoi demoni, ora corre ai ripari contro se stessa!

Apple avrebbe messo a punto un software in grado di bloccare gli smartphone, impedendo loro di scattare foto e di riprendere: la notizia, tutta da confermare, è stata diffusa dal blog Patently Apple. Grazie ad una particolare tecnologia, gli smartphone non potrebbero più riprendere fino alla fine di un particolare evento (ad esempio uno spettacolo o un concerto).

Il dispositivo riuscirebbe a riconoscere e interpretare uno speciale segnale a infrarossi in grado di disabilitarne alcune funzioni, come ad esempio la fotocamera, in luoghi particolari: sullo schermo del telefonino apparirebbe un avviso di blocco della funzione fino al termine dello show.

Brevetto Apple blocco fotocamera

Brevetto Apple blocco fotocamera

Tale meccanismo, inoltre, potrebbe poi essere impiegato per altri luoghi in cui è notoriamente vietato scattare foto o fare riprese, come i musei ad esempio.

La luce a infrarossi potrebbe in realtà anche essere utilizzata per fornire informazioni agli utenti: ad esempio potrebbe inviare notifiche sul reperto o sull’opera che il visitatore sta ammirando o sta per fotografare.

Ma il vero obiettivo sembra al momento essere quello di frenare il fenomeno dei video musicali messi online praticamente in diretta sui social, grazie allo streaming di Facebook Live e Periscope.

Il brevetto di Apple è datato 2011 ma è stato pubblicato solo pochi giorni fa: Apple al momento non ha chiarito se intende dotare i propri device di tale funzione.

Insomma, la tecnologia, dopo aver liberato i suoi demoni, ora corre ai ripari contro se stessa!

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *