Antincendio ospedali, ecco la nuova regola tecnica per strutture sanitarie

Antincendio ospedali, arriva la nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie, sia pubbliche che private. Scarica il PDF

Antincendio Ospedali

E’ stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale (Interno, Salute ed Economia e Finanze) del 19 marzo 2015 che aggiorna la regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie pubbliche e private.L’aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi riguarda la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

La nuova norma introduce gli allegati I e II (in sostituzione dei titoli III e IV del precedente provvedimento del 2002) e l’allegato III che integra il decreto del 2002 introducendo il titolo V.

Ecco le novità:

  • Allegato I: riporta le indicazioni per le strutture sanitarie in regime di ricovero ospedaliero o residenziale con oltre 25 posti letto, esistenti alla data di entrata in vigore del decreto 2002, che non abbiano completato l’adeguamento alle disposizioni previste
  • Allegato II: contiene le disposizioni per l’adeguamento di strutture di assistenza specialistica in regime ambulatoriale con superficie tra 500 m2 e a 1.000 m2 e delle strutture superiori ai 1000m2 esistenti alla data di entrata in vigore del nuovo decreto
  • Allegato III: contiene la regolamentazione del Sistema di gestione della sicurezza finalizzato all’adeguamento antincendio. A tal fine è stata prevista una nuova figura, quella del Responsabile tecnico della sicurezza antincendio per la predisposizione e attuazione del sistema di gestione, che dovrà avere un ruolo centrale nel processo di adeguamento.

Il decreto entra in vigore il 25 aprile 2015.

 

Clicca qui per scaricare il decreto interministeriale del 19 marzo 2015

Clicca qui per conscere AntiFuocus

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *