Anche per il Consiglio di Stato gli onorari per i LL.PP. si calcolano con il DM 04.04.2001

Dopo gli interventi del Consiglio superiore dei LL.PP. e del TAR del Veneto anche il Consiglio di Stato ribadisce che il calcolo degli onorari professionali per i LL.PP. va eseguito con l’applicazione del D.M. 04.04.2001.

Dopo gli interventi del Consiglio superiore dei LL.PP. e del TAR del Veneto anche il Consiglio di Stato ribadisce che il calcolo degli onorari professionali per i LL.PP. va eseguito con l’applicazione del D.M. 04.04.2001.
Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, aveva affermato, nella seduta del 21 marzo 2003, che devono seguirsi le disposizioni della Legge 166/2002 (art. 7), le quali “riabilitano” il citato Decreto 04.04.2001, fino all’emanazione del Regolamento di cui all’art. 17 della Legge Quadro.
Analogamente il TAR del Veneto, con la sentenza n. 2651 del 2003, aveva ribadito la liceità dell’applicazione del Decreto 4 aprile 2001; la Legge 166/2002, infatti, ne ha legittimamente recepito il contenuto svincolandosi dal provvedimento originario il cui annullamento, pertanto, non sortisce alcun effetto pratico.
Ora anche il Consiglio di Stato, che ha respinto il ricorso avverso proprio la predetta sentenza del TAR del Veneto, con l’Ordinanza 4398/03 ha mostrato di condividere la validità del DM 04.04.2001.

DocumentoDimensioneFormato
Ordinanza 4398 del Consiglio di Stato15 KbACCAreader
Parere del Consiglio Superiore dei LL. PP.31 KbACCAreader
Sentenza del TAR Veneto n. 2651/200331 KbACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *