ANCE e commenti alle novità e alle semplificazioni in materia di sicurezza in edilizia

L’Ance ha pubblicato un focus su tutte le novità in materia di sicurezza sul lavoro nel settore edile, evidenziando i reali benefici e quelli mascherati, che nella realtà non apportano alcuna semplificazione o miglioramento.

In materia di sicurezza sul lavoro, la Legge 98/2013 di conversione del “Decreto del Fare” (D.L. n. 69 del 21 giugno 2013) ha confermato la maggior parte delle novità introdotte dal Decreto.

L’Ance (Associazione nazionale dei costruttori edili) ha pubblicato un focus su tutte le novità in materia di sicurezza sul lavoro nel settore edile, evidenziando i reali benefici e quelli mascherati, che nella realtà non apportano alcuna semplificazione o miglioramento.

In particolare vengono considerate e analizzate le seguenti modifiche al Testo Unico sulla Sicurezza (D.Lgs. 81/2008):

  • modifica dei commi 3 e 3 bis) dell’art. 26 relativo agli obblighi connessi ai contratti d’appalto o di somministrazione;
  • modifica dell’articolo 27 relativo al sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi;
  • modifica dell’articolo 29 sulle modalità di effettuazione della valutazione dei rischi;
  • modifica dell’articolo 32 comma 5 sulle capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni;
  • modifica dell’articolo 37 sulla formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti;
  • modifica dell’articolo 71 relativo agli obblighi del datore di lavoro;
  • modifica dell’articolo 88 sul campo di applicazione del Testo Unico;
  • introduzione dell’articolo 104 bis contenente misure di semplificazione nei cantieri temporanei o mobili.

Clicca qui per scaricare il documento di analisi dell’ANCE

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *