manutenzione-dei-ponti-in-acciaio

Manutenzione ponti, dall’ANAS il quaderno tecnico

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il quaderno tecnico dell’ANAS evidenzia le caratteristiche, i tempi, la reperibilità dei materiali e le problematiche in caso di sostituzione e manutenzione ponti esistenti in cls con un nuovo impalcato in carpenteria metallica

ANAS ha pubblicato il quaderno tecnico – Volume VII – dal titolo: “Manutenzione programmata su ponti e viadotti: soluzioni standard in carpenteria metallica in sostituzione di impalcati esistenti in calcestruzzo armato e calcestruzzo armato precompresso”. Il volume sulla manutenzione ponti è l’ultimo di una serie di documenti che ANAS ha pubblicato per agevolare il lavoro dei tecnici e degli strutturisti in particolare.

I quaderni tecnici dell’ANAS

Con la pubblicazione dei quaderni tecnici ANAS vuole fornire un utile strumento per i professionisti impegnati nella progettazione, direzione dei lavori e collaudo degli interventi di manutenzione programmata.

I vari volumi racchiudono approfondimenti sulle modalità di intervento che mirano alla conservazione e, quando necessario, al ripristino delle caratteristiche strutturali e funzionali delle infrastrutture stradali, delle opere d’arte che in esse ricadono o di singoli elementi strutturali. Questi sono alcuni degli argomenti affrontati nei volumi, a cui si aggiungono pubblicazioni dedicate a temi specifici come le pavimentazioni e le barriere di sicurezza stradali.

I volumi sin ora pubblicati sono:

  • Volume I – Valutazione delle caratteristiche meccaniche del calcestruzzo; valutazione delle caratteristiche meccaniche dell’acciaio; definizione del piano delle indagini; interventi di ripristino delle condizioni di sicurezza di cordoli e barriere bordo ponte;
  • Volume II – Interventi di rifacimento dei cordoli con calcestruzzo fibrorinforzato; interventi di ripristino corticale dei calcestruzzi ammalorati; interventi locali sugli appoggi; interventi di ripristino delle condizioni di sicurezza dei giunti;
  • Volume III – Attività di recupero delle opere d’arte in gestione, anche mediante l’impiego dei materiali di ultima generazione;
  • Volume IV – Tecniche di intervento di ripristino in galleria; ripristini delle solette dei ponti in calcestruzzo armato; ripristini sugli impalcati a sezione mista acciaio-calcestruzzo;
  • Volume V – Pavimentazioni stradali, primo elemento percepito dall’utente e biglietto da visita dell’Ente gestore;
  • Volume VI – Azioni per tutelare la sicurezza e l’incolumità degli utenti della strada, con particolare attenzione ai motociclisti: barriere di sicurezza stradali;
  • Volume VII – Manutenzione programmata su ponti e viadotti: soluzioni standard in carpenteria metallica in sostituzione di impalcati esistenti in calcestruzzo armato e calcestruzzo armato precompresso.

Il Volume VII:  manutenzione programmata su ponti e viadotti

Con l’ultimo volume pubblicato da ANAS vengono evidenziate le caratteristiche proprie della realizzazione di un impalcato in carpenteria metallica con particolare riguardo ai tempi, alla reperibilità dei prodotti ed alle problematiche tipiche del cantiere in caso di sostituzione di campate di ponti esistenti, con un approfondimento generale sui materiali, i giunti e gli appoggi, la durabilità ed i trattamenti protettivi, il piano di manutenzione e la sostenibilità dei ponti in carpenteria metallica.

Il documento affronta gli interventi di manutenzione straordinaria delle opere esistenti in:

  • calcestruzzo;
  • c.a.p. (calcestruzzo armato precompresso).

Tali interventi si rendono necessari nei casi in cui le condizioni del manufatto ammalorato siano tali che si debba ricorrere alla sostituzione dell’intera struttura o parte di essa, valutando la sostituzione con elementi in carpenteria metallica che presentano minore massa e pertanto conferiscono migliore comportamento in condizioni sismiche del ponte/viadotto trasferendo minori sollecitazioni alle sotto-strutture.

Nei primi capitoli sono approfonditi:

  • le tipologie dei ponti esistenti in acciaio;
  • il censimento;
  • la valutazione;
  • l’ispezione.

Nei capitoli successivi verranno presentati degli esempi di soluzioni “standard” per le luci maggiormente ricorrenti dei ponti ANAS esistenti in c.a. e c.a.p: da 25 m a 35 m.

Vengono analizzate diverse tipologie di impalcati in carpenteria metallica:

  • bi-trave e multitrave con profili laminati;
  • bi-trave con profili saldati;
  • trave a cassone;
  • trave reticolare.

Viene riportata, infine, un’analisi delle diverse tipologie di soletta: in lastre prefabbricate in c.a., in calcestruzzo e con lastra ortotropa in acciaio ed un accenno agli allargamenti dei ponti esistenti con elementi in carpenteria metallica.

L’analisi di più soluzioni con identiche luci standard ha permesso di valutare e confrontare, per ogni tipologia di impalcato, le proprie caratteristiche corredate dai vantaggi e/o svantaggi.

Il documento continua con un approfondimento sui materiali, la durabilità ed i trattamenti protettivi.

Nei capitoli finali vengono affrontate tematiche proprie della realizzazione di un impalcato in carpenteria metallica:

  • tempi;
  • reperibilità dei prodotti;
  • problematiche tipiche del cantiere in caso di sostituzione di campate di ponti esistenti.

Particolare attenzione viene data infine al piano di manutenzione dei ponti in acciaio, inserendo così un altro tassello nell’obiettivo di ANAS di standardizzare le attività manutentive ricorrenti e gli interventi di manutenzione programmata delle opere d’arte.

 

Clicca qui per scaricare il quaderno tecnico dell’ANAS

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *