Al via la cabina di regia per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici pubblici

La Cabina di regia, di cui fanno parte il MiSE, il Ministero dell’ambiente, l’Enea e il GSE, ha come priorità la riqualificazione degli immobili della Pubblica Amministrazione.

Il 27 febbraio scorso si è insediata al Ministero dello sviluppo economico la Cabina di Regia per l’efficienza energetica, come richiesto dal D.Lgs. 102/2014 di recepimento della direttiva europea 2012/27/UE sull’efficienza energetica.

La Cabina di regia, di cui fanno parte il MiSE, il Ministero dell’ambiente, l’Enea e il GSE, ha come priorità la riqualificazione degli immobili della Pubblica Amministrazione.

A questo proposito sono state fissate le tempistiche riguardanti:

  • l’approvazione dei primi progetti di intervento
  • la definizione di un cronoprogramma delle attività per la messa a punto della strategia per la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare nazionale
  • l’attivazione del Fondo nazionale per l’efficienza energetica

È stato, inoltre, deciso di effettuare una mappatura dei certificati di prestazione energetica già esistenti per gli edifici della Pubblica Amministrazione centrale, in modo da accelerare il piano di interventi.
Tutte le iniziative prese saranno presto attuate con l’emanazione dei due decreti interministeriali previsti.

Ricordiamo che le funzioni della cabina di regia sono quelle di:

  • promuovere l’attuazione coordinata del piano di interventi di medio-lungo termine per il miglioramento della prestazione energetica degli immobili
  • contribuire alla definizione del programma per la riqualificazione energetica degli edifici della Pubblica Amministrazione centrale
  • assicurare il coordinamento delle misure per l’efficienza energetica attivate attraverso il Fondo nazionale per l’efficienza energetica
  • coordinare interventi di formazione, di supporto alla predisposizione dei progetti e di pubblicità dei risultati
  • favorire sinergie con le Regioni per lo sviluppo omogeneo dell’efficienza energetica degli edifici su tutto il territorio nazionale
  • sostenere occasioni di dialogo con gli operatori del settore e con le istituzioni bancarie e finanziarie al fine di stimolare il mercato dei servizi energetici
  • formulare proposte ai Ministri responsabili per migliorare l’efficacia delle misure per la promozione dell’efficienza energetica
  • riferire almeno 2 volte l’anno sulle politiche per l’efficienza energetica al Ministro dello sviluppo economico e al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, con ipotesi di ulteriore promozione e sviluppo coordinato delle politiche di settore

Clicca qui per scaricare il D.M. 9 gennaio 2015

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *