Al via il programma tetti fotovoltaici 2003

Con il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio 11 aprile 2003 è dato il via al programma tetti fotovoltaici per l’anno 2003.

Con il Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio 11 aprile 2003 è dato il via al programma “Tetti Fotovoltaici” per l’anno 2003.

Il programma tetti Fotovoltaici in breve
Il programma “Tetti Fotovoltaici” prevede il finanziamento dell’installazione di impianti solari per la produzione di energia elettrica, installati su strutture edilizie e relative pertinenze di potenza compresa tra 1 e 20 kWp, collegati alla rete elettrica (GRID CONNECTED).

Il funzionamento di un impianto fotovoltaico connesso alla rete elettrica.
Un impianto fotovoltaico tramite pannelli solari produce energia elettrica in corrente continua che viene inviata ad un inverter e trasformata in alternata.
Esistono due tipologie di impianti: impianti isolati (stand alone) ed impianti collegati alla rete elettrica (c.d. GRID CONNECTED); solo questi ultimi rientrano nel programma tetti fotovoltaici.
In questo caso, il titolare dell’impianto, sia esso soggetto pubblico o privato, per soddisfare il suo fabbisogno energetico attinge all’impianto fotovoltaico.
Quando l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico eccede il fabbisogno dell’utilizzatore confluisce nella rete elettrica; nel caso in cui la produzione dell’impianto solare risulti inferiore al fabbisogno dell’utilizzatore, l’energia necessaria è prelevata dalla rete.
La rete elettrica è utilizzata quindi come un accumulatore di capacità infinita.

Rapporto con il fornitore di energia elettrica di rete
Al fornitore di energia elettrica di rete l’utilizzatore dell’impianto fotovoltaico deve versare il corrispettivo della differenza tra l’energia prelevata dalla rete e quella in essa immessa.
Nel caso in cui il bilancio energetico sia positivo, cioè l’energia immessa in rete supera quella prelevata, si accumula un credito di energia per l’anno successivo; in altre parole non può esserci flusso di denaro dal fornitore di energia elettrica di rete al titolare dell’impianto.

Accesso al finanziamento
Per accedere al finanziamento occorre innanzitutto attendere i bandi che dovranno essere emanati dalle regioni di appartenenza (le quali cofinanziano al 50% il programma).
Alla domanda di ammissione al finanziamento, in ogni caso, sarà necessario allegare un progetto almeno di livello preliminare.
Il finanziamento massimo non potrà eccedere il 75% del costo (sarà in ogni caso fissato un limite massimo della spesa finanziabile in funzione della potenza dell’impianto).

La progettazione dell’impianto: elementi essenziali
Ai tecnici che si avvicinano a questa problematica BibLus-net fornisce informazioni utili ad una valutazione sulla fattibilità e sulla convenienza economica dell’installazione impianto usufruendo del programma Tetti Fotovoltaici.
Il punto di partenza è la scelta della potenza dell’impianto, che deve essere adeguata al fabbisogno energetico del richiedente.
Occorre quindi quantizzare (in termini di kWh) il fabbisogno energetico annuo ed individuare l’impianto in grado di soddisfare tale richiesta.
Per potere fare questo ci si può riferire alla seguente tabella con la quale è anche possibile, una volta individuata la potenza da installare, stimare anche il costo della realizzazione dell’impianto fotovoltaico, il risparmio annuale e la superficie occorrente all’installazione dei pannelli solari.
Supponiamo di dover realizzare un impianto fotovoltaico a servizio di un piccolo albergo di una località marina della Calabria.
Per esso abbiamo stimato, in base ai consumi degli anni precedenti, un fabbisogno medio annuo pari a 15000 kWh.
Soltanto con questo valore possiamo entrare nella tabella (in questo caso nella 3a colonna) e scoprire che, per produrre un quantitativo tale di energia occorre, in quell’area, un impianto della potenza approssimativa di 10kWp (1a colonna).
Semplicemente scorrendo la riga della tabella relativa all’impianto da 10kWp siamo in grado di sapere che:

  • l’investimento necessario è stimabile in prima approssimazione in 75.000 euro (4a colonna)
  • la quota dell’investimento a carico del committente è valutabile, in prima approssimazione, in 18.750 euro (6a colonna) , a fronte di un risparmio annuo pari al corrispettivo da versare al fornitore di rete per i 15.000 kWh (2250,00 euro/anno per un costo del kWh di 0,15 euro – 8a colonna)
  • per realizzare l’impianto occorre una superficie di 85-100 mq (9a colonna)

La tabella precedente è stata redatta nelle seguenti ipotesi:

  • produzione media annua pari 1200 (kWh.kWp)/anno al Centro Nord e 1500 (kWh.kWp)/anno
  • costo medio dell’impianto per kWp pari a 7500,00 euro
  • Superficie occorrente pannelli solari compresa tra 8,5 e 10 mq per kWp
  • costo medio del kWh pari a 0,15 euro

Ribadiamo ancora una volta che la tabella può essere utilizzata per valutazioni di carattere economico e sulla fattibilità dell’impianto; per fasi successive è necessario fare riferimento a studi e rilevazioni specifiche.

Considerazioni Finali
Il provvedimento varato dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio è certamente apprezzabile.
Rimane, tuttavia, da fare una considerazione sull’entità della cifra stanziata (di poco superiore ai 10 milioni di euro) che appare piuttosto esigua, soprattutto in considerazione del fatto che potranno essere finanziati anche i progetti ammessi in graduatoria nei programmi precedenti ma non finanziati per esaurimento dei fondi.

Documento Dimensione Formato
Programma “Tetti Fotovoltaici” per l’anno 2003 192 Kb ACCAreader

Attenzione: Per la visualizzazione del file in formato ACCAreader si richiede la presenza sul sistema di: ACCAreader ver. 5.00
Clicca sull’ immagine per effettuare gratuitamente il download del programma.

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *