Decreto #CuraItalia: le risposte dell’Agenzia delle Entrate

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dalla proroga e sospensione termini versamenti alle misure a sostegno delle imprese, ecco i chiarimenti sulle misure fiscali del decreto #CuraItalia

Con il dl 17 marzo 2020, n. 18 (decreto #CuraItalia) sono state introdotte specifiche disposizioni di carattere tributario, volte ad affrontare l’impatto economico dell’emergenza sanitaria sui lavoratori, sulle famiglie e sulle imprese.

A seguito dei quesiti pervenuti da associazioni di categoria, nonché dai professionisti e da altri contribuenti in merito all’ambito applicativo delle previsioni fiscali contenute nel decreto, l’Agenzia delle Entrate risponde ai quesiti avanzati con la circolare n. 8/E del 3 aprile 2020.

In pratica, vengono forniti ulteriori chiarimenti sotto forma di domande/risposte (FAQ) ai quesiti raggruppati in base alle seguenti aree tematiche omogenee:

  1. proroga e sospensione termini per versamenti e altri adempimenti;
  2. sospensione attività enti impositori, versamento carichi affidati all’agente della riscossione e termini procedimenti tributari;
  3. misure specifiche a sostegno delle imprese;
  4. misure specifiche a sostegno dei lavoratori;
  5. altre disposizioni.

1 – Proroga e sospensione termini per versamenti e altri adempimenti

Nel paragrafo sono forniti chiarimenti in merito a:

  • rimessione in termini per i versamenti (articolo 60);
  • sospensione dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria (articolo 61);
  • sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi (articolo 62);
  • menzione per la rinuncia alle sospensioni (articolo 71).

Esempio domanda: 

Un’azienda avente un codice ATECO non esplicitamente menzionato nell’elenco dei codici indicati a titolo indicativo dalle risoluzioni dell’Agenzia delle Entrate n. 12/E del 18 marzo 2020 e n. 14/E del 21 marzo 2020, ma che rientra nei settori elencati dall’articolo 61, comma 2, lettere da a) a r) del Decreto, e dall’articolo 8, comma 1, del decreto-legge n. 9 del 2020, può rientrare comunque tra i beneficiari della norma?

2 – Sospensione attività enti impositori, versamento carichi affidati all’agente della riscossione e termini procedimenti tributari

Sono presenti delucidazioni in riferimento alle questioni attinenti alle disposizioni del decreto relative a:

  • sospensione dei termini relativi all’attività degli uffici degli enti impositori (articolo 67);
  • sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all’agente della riscossione (articolo 68);
  • differimento delle udienze e sospensione dei termini dei procedimenti tributari (articolo 83);
  • sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza (articolo 103).

Esempio domanda: 

La proroga dei termini di prescrizione e decadenza prevista dall’articolo 12, comma 2, del decreto legislativo 24 settembre 2015, n. 159, si applica anche alle ipotesi contemplate dall’articolo 60 del decreto che, più propriamente, ricadono nella fattispecie di “rimessione in termini” e non in quella di una vera a propria sospensione?

3 – Misure specifiche a sostegno delle imprese

Nella sezione sono fornite risposte circa le questioni attinenti alle disposizioni del decreto relative a:

  • credito d’imposta per botteghe e negozi (articolo 65);
  • misure di sostegno finanziario alle imprese (articolo 55).

Esempio domanda: 

In merito all’articolo 65 del Decreto rubricato «Credito d’imposta per botteghe e negozi» visto l’esplicito riferimento ai «canoni di locazione di immobili rientranti nella categoria catastale C1», si chiede se il credito d’imposta si applica anche ai contratti di locazione di immobili rientranti nella categoria catastale D8 (categoria non espressamente prevista dall’articolo suddetto, che individua gli immobili rientranti nella categoria catastale D8 “Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni”).

4 – Misure specifiche a sostegno dei lavoratori

I chiarimenti di questa sezione riguardano il premio ai lavoratori dipendenti (articolo 63).

Esempio domanda: 

I giorni lavorati in smart working devono essere esclusi dal calcolo del bonus di 100 euro ai lavoratori dipendenti e, in caso affermativo, in che modo?

5 – Altre disposizioni

Infine, le risposte in merito alle seguenti questioni:

  • requisizioni in uso o in proprietà (articolo 6);
  • fondo centrale di garanzia PMI (articolo 49);
  • erogazioni liberali a sostegno del contrasto all’emergenza epidemiologica da COVID-19 (artt. 66 e 99).

Esempio domanda: 

È possibile ricomprendere nelle previsioni agevolative di cui all’art. 66 del Decreto anche le donazioni effettuate direttamente alle strutture ospedaliere sul territorio?

 

Clicca qui per scaricare la circolare n. 8/E del 3 aprile 2020

 

factus
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *