Acquisto autovettura: il certificato di proprietà diventa digitale

Acquisto autovettura: dal 5 ottobre il certificato di proprietà viene rilasciato e conservato esclusivamente in modalità digitale

Il certificato di proprietà è il documento che attesta lo stato giuridico attuale del veicolo e viene rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico, PRA.

Al fine di attuare la digitalizzazione dei processi amministrativi e dei relativi documenti, anche il certificato di proprietà in caso di acquisto di un auto nuova o usata non sarà più stampato (V.art.”Contrassegno assicurazione, addio al vecchio tagliando!“).

Dal 5 ottobre 2015 è iniziata, infatti, la nuova modalità di generazione e conservazione del certificato di proprietà con l’introduzione del certificato di proprietà digitale (CDPD) che, progressivamente andrà a sostituire definitivamente l’attuale documento cartaceo.

In particolare, ai cittadini che effettuano l’acquisto di un’autovettura nuova o usata viene rilasciato un certificato digitale di proprietà che risiede nei Sistemi informativi ACI e viene consegnata una ricevuta dell’avvenuto acquisto  in cui sono presenti tutti i dati e un codice di accesso che consente di consultare il Certificato di Proprietà Digitale relativo al proprio veicolo con le seguenti modalità:

  • lettura mediante smartphone o altro dispositivo del QR-code
  • collegandosi all’indirizzo web indicato nella ricevuta
  • tramite la funzione “Consulta il Certificato di Proprietà Digitale” (https://iservizi.aci.it/consultacdpd/), inserendo il codice di accesso presente nella ricevuta o  il codice “ID CDPD” presente nella copia del Certificato di Proprietà Digitale

In allegato riportiamo la circolare dell’ACI che fornisce tutte le indicazioni sul CDPD  e i suoi vantaggi.

 

Clicca qui per scaricare la Circolare ACI sul certificato di proprietà digitale

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *